24 ottobre 2009

PASSEGGIATA A MONTICCHIELLO

In una delle ultime belle giornate di inizio ottobre (c'erano 26 gradi) ci siamo concessi tre giorni in Umbria, in fondo il nostro ultimo giorno di ferie risaliva al 4 luglio, e, dopo una splendida mattinata immersi nelle vasche e nelle sale aromatiche delle Terme Sensoriali di Chianciano (purtroppo Laura aveva impegni e non è stata dei nostri), confesso, con successiva ottima mangiata alla Locanda della Ribollita, di Chiusi, ce ne siamo andati a fare una passeggiata a Monticchiello. Il paese dista da casa nostra solo una ventina di minuti, in effetti come la maggior parte dei bellissimi paesini al confine tra l'Umbria e la Toscana.
Arrivati giusto nella "contr'ora", quell'ora di calma piatta che segue l'ora di pranzo, iniziamo a fare quattro passi nel paesino medievale deserto. Ed è forse questa l'ora migliore per visitarlo.
Gli unici "abitanti" che incontriamo sono dei mascheroni e degli stemmi sui muri...
Va bene che in genere "vanno sempre in coppia" ma in questo vicoletto anche i Carabinieri sarebbero costretti a procedere in fila indiana: strettissimooooo....
Questo chiusino fa riferimento ad una data che non ho trovato in nessuna cronologia: però ritengo faccia riferimento ad un assedio portato al borgo di Monticchiello da parte dei fiorentini durante la guerra tra Siena e Firenze.
E' un piacere continuare a passeggiare nel paesino curatissimo ma deserto... in cui faremo incontri inattesi...
Quando si dice "manco li cani".... Oddio..... uno ce n'è !! E pure patentato !!!!
In effetti l'unico segno della presenza umana è del pane messo al sole ad essiccare.
E qui facciamo un altro (per me) splendido incontro: una bellissima FIAT 1100 (risalente probabilmente ai primissimi anni dei "favolosi anni '60"). E dico splendido perchè su quella macchina ho poggiato il sederino per circa un lustro, da bambino, prima del 1974, quando mio padre comprò una Simca 1000. Le condizioni dell'auto erano perfette ed appariva in tutto il suo splendore...
Siamo in periodo di zucche e, in effetti, il paese è pieno di zucche di tutti i tipi (magari alcune messe ad essiccare in vista di Halloween)Continuate a seguirmi... vi porterò a spasso per l'Umbria e la Toscana ancora un po'...
Posta un commento