08 ottobre 2009

RIENTRIAMO NELLA ...NORMA

Dopo queste ultime ricettine definibili dietetiche (almeno il cavolo rosso e le alicette marinate, se ben scolate dell'olio) è proprio il caso di rientrare nella... Norma.
E si perchè la pasta alla Norma, di origine siciliana e, più precisamente Catanese, è una delle più buone che esistano e se proprio uno deve fare uno strappo alla regola....
Beh... una trentina d'anni fa Adriano Panatta, nell'allora nota pubblicità di un bagnoschiuma, diceva: "Se devo fare una cosa mi piace farla bene". E quindi... Norma sia !!!


Per 4 persone "serie e gaudenti" servono:
500 grammi di mezze maniche (o altra pasta corta a gusto proprio)
5 o 6 pomodori da sugo (o pelati)
1 melanzana
ricotta salata
aglio
olio
basilico
sale

Per prima cosa si taglia a dadini la melanzana e la si mette a spurgare, con un paio di pizzichi di sale grosso, in uno scolapasta con un peso sopra (un piatto va bene). Nel frattempo si sbollentano velocemente i pomodori, li si priva della buccia e dei semi, si riducono a dadini anch'essi, si mettono in un saltapasta con un giro d'olio ed uno spicchio d'aglio in camicia e si fa andare il tutto a media fiamma. Dopodichè si friggono velocemente i dadini di melanzana. Quando il sugo inizia a rapprendersi si aggiungono metà dei dadini fritti e si lascia andare ancora 2 o 3 minuti, mentre anche la pasta raggiunge la cottura al dente.
Si unisce, a questo punto, alla pasta scolata il sugo con le melanzane ed i rimanenti dadini fritti, si grattugia abbondantemente la ricotta salata (con una grattugia a maglia larga, in modo da ricavarne quasi delle scaglie) e si serve subito, con qualche foglia di basilico ad ornare il piatto.


L'origine del nome del piatto si fa risalire a Nino Martoglio, noto commediografo catanese , che, quando gli venne servito un piatto di tale pasta, esclamò: "È una Norma !" ad indicarne la straordinaria bontà paragonandola all'opera lirica musicata dal catanese Vincenzo Bellini.


13 commenti:

Ciboulette ha detto...

ma dai, io ho fatto la caponata ieri sera..che bedde queste influenze siciliane :D

pinar ha detto...

sono buonissime! le ho mangiate a Ortigia.
ma se ogni tanto rientrassimo anche nella forma?! no no no...l'estate è lontana!
ciao

Fra ha detto...

Nelle mia vacanze siciliane mi sono uccisa di pasta alla NOrma...la adoro!!!....non è che te n'è avanzato un piatto?!?!?
Un abbraccio
fra

Saretta ha detto...

Ma che bello questo piatto!!!Davvero una cornice degna per un piatto divino come questo!
E Norma sia!
buona giornata
PS:claudia sta meglio?

Agave ha detto...

La pasta alla norma è buonissima, la ricotta salata è un elemento fondamentale, anche io quando decido di fare uno strappo alla regola la preparo. Il suo gusto diventa insuperabile se la mangi in una terrazza con vista mare. Sono contenta di aver letto "500gr per 4 persone", ogni tanto leggo quantità così piccole che mi vergogno dei miei piattoni giganti!
Ciao
Evelin

Mimmi ha detto...

Quando si dice che le cose semplici alla fine sono sempre le migliori!!
Bella da vedersi non puó che essere buonissima!

Claudia ha detto...

Mamma miaaaa è troppo buona!!!! baci baci :-)))

Antonella ha detto...

Posso far parte di quelle quattro persone??? :D
Buonissima...l'adoro!

JAJO ha detto...

ELVIRA: quando si tratta di affinità gastronomiche.... ^_^

PINAR: estate o inverno poco importa: sono troppo buone e poi, per fortuna, non mi sono mai preoccupato della "prova costume" (al limite ne compro uno di una taglia superiore hahahahaha)

FRA: purtroppo no ma.... LA RIFACCIO !!! :-D

SARETTA: si, grazie... Claudia va molto meglio (soprattutto dopo un piatto così :-D)

EVELIN: infatti ho scritto 4 persone "gaudenti" hahahahaha Se va fatto un peccato ti pare valga la pena di farlo piccolo piccolo? Noooooooo !!!! hahahahahaha

MIMMI: hai ragionissima :-D Semplice e gustosissima...

CLAUDIA: troppo !! :-D

ANTONELLA: mica ne vorrai davvero un piatto ?! :-D Ho altre idee per la prossima cenetta :-D

Dida70 ha detto...

mmm...adoro la pasta alla norma e adoro questo piatto nero ma...per caso è una delle chicca di Claudia? và che vado a dare una sbirciatina và...
un abbraccio
dida

Aiuolik ha detto...

Oltre al titolo del post, ho apprezzato molto le dosi per le persone "serie e gaudenti" :-)))
Ovviamente poi apprezzo molto anche il piatto!

Albertone ha detto...

Giusto Jajo, quanno ce vo' ce vo'
E questa parta è buonissima: l'ho fatta anch'io quest'estate, ma mi manca la ricotta salata (qui non si trova).
Va bhe... mi rimetto a caseare e me la faccio :)
Alberto

JAJO ha detto...

DIDA: No no, questo è della "signora Ikea" hahahahaha

AIUOLIK: Finalmente un'altra donna savia hahahaha

ALBERTO: TU senza ricotta salata? Nooooo hahahahahaha Non stento a credere che ti sia rimesso già al lavoro :-D