27 giugno 2007

CIOFECH CAKE ALLE CILIEGIE

E si... anche i "maestri" sbagliano !!!! HEHEHEHEHEHE
Malgrado abbia seguito alla lettera tutte le indicazioni del maestro Salvatore DeRiso, la prima impressione non è stata molto positiva: il Cheese cake, una volta uscito dal forno, era un po' troppo "budinoso"(sarà per colpa del caldo di domenica ma proprio gli albumi non volevano saperne di montare a neve) e sembrava più un CIOFECH Cake...
Comunque, come si sa, la notte porta consiglio e, appunto, dopo una notte passata in frigo, lunedì la torta aveva un aspetto decisamente più "professionale"... ed era proprio buona :-D
Questi gli ingredienti:

PER LA BASE: 200 gr. circa di biscotti secchi (io ho utilizzato i Novellini della Gentilini), tritati tanto da farli diventare praticamente una farina, 200 gr. di burro (non salato) lasciato ammorbidire un paio d'ore fuori dal frigo e due cucchiai di miele: ho tritato i biscotti e vi ho amalgamato il burro ed il miele, stendendo poi la base in un anello a cerniera grande (26 cm. ma se lo avete un po' più piccolino è forse meglio).
PER IL RIPIENO: 500 gr. di ciliegie (già denocciolate: secondo me ne basterebbero anche 350 gr.), 30 gr. di amido di mais, 130 gr. di zucchero: ho messo le ciliegie denocciolate in un padellino con un cucchiaio d'acqua e, dopo 4 o 5 minuti, ho aggiunto l'amido e lo zucchero;

ho portato a bollore per un paio di minuti, mescolando, ed ho poi versato il tutto in un anello a cerniera più piccolo (15 cm.), sulla base del quale avevo sparso una manciata di "farina di biscotti", mettendolo poi in freezer per almeno 3 o 4 ore (questo, secondo il Maestro DeRiso, è l'unico modo per fare un ripieno ad una torta del genere); ho sparso una manciata di granella di biscotti anche sopra le ciliegie. PER L'IMPASTO: 350 gr. di ricotta DI MUCCA (che per i miei gusti va bene solo per i dolci :-D - preferisco di gran lunga quella di pecora o di bufala), 80 gr. di mascarpone, 250 gr. circa di crema pasticcera, 3 albumi montati a neve ferma e 100 gr. di zucchero + 20 gr. di zucchero a velo aromatizzato alla vaniglia. Ho preparato la crema pasticcera e l'ho amalgamata, una volta intiepidita, alla ricotta ed al mascarpone; ho poi aggiunto lo zucchero e, alla fine, gli albumi montati a neve (anche se era una neve un po' sciolta :-D). Ho poi versato poco meno di metà impasto sulla base biscottata nell'anello a cerniera grande; ho disposto il "disco ghiacciato" di ciliegie e ricoperto con il rimanente impasto (visto che il "disco" era un po' troppo alto, come detto mezzo chilo di ciliegie forse sono un po' troppe, ho fatto di necessità virtù ed ho apportato qualche "modifica" alla ricetta).

Ho preferito non guarnire la parte superiore della torta (andrebbe spennellata con rosso d'uovo e zucchero prima di essere infornata) perchè volevo guarnirla poi con ananas frullato e ciliegie. In effetti, secondo la ricetta originale, andrebbe ricoperta con uno strato di marmellata o confettura e poi con frutta fresca.

Devo dire che l'aspetto, già da lunedì mattina, è notevolmente migliorato e... me la sto divorando piano piano. Magari se volete potete aggiungere anche una goccia di liquore profumato alle ciliegie.

3 commenti:

Simona ha detto...

Ciao Jacopo, non riesco a vedere le foto del CIOFECH Cake :) erano tanto brutte oppure è un problema del mio pc? Baci

SenzaPanna ha detto...

dovevi partecipare al ciofeca day di qualche tempo fa :-)))

http://senzapanna.blogspot.com/2006/07/peperoni-ripieni.html

comunque se hai preso una sua ricetta dalla tv pare che non sempre siano identiche alle originali.

Meditate gente, meditate.

JAJO ha detto...

E' vero Simo... ogni tanto spariscono le foto :-(

Ciao Dany lo so ma la ciofeca (che, come detto, il giorno dopo ciofeca non era più :-D) è ... recente!

Delle dosi "sbagliate" di DeRiso me ne ero accorto (500 grammi di ciliegie solo per il ripieno mi erano sembrate troppe). Ma tanto "peggio per lui": la volta successiva apporto variazioni :-D

E poi, in fin dei conti, era buona :-D