08 settembre 2011

MARCHE 2011 - MATELICA ED ESANATOGLIA

Dopo un congruo periodo di disintossicazione da blog rieccomi qui, digerita la pur gustosa Bavarese alle pesche, con uno dei miei soliti post "vacanzieri" che in pochissimi vedranno e commenteranno, ma tanto io so' ariete in ariete e insisto hahahahaha.
Scherzi a parte ci tenevo a fare una capatina a Matelica visto che la famiglia di mia madre è originaria proprio di quel paese e, quindi, un po' di sangue "marchiciano" nelle vene ce l'ho anche io. E per questo era una vergogna per me non esserci ancora mai andato prima, anche perchè la piccola cittadina è immersa nel verde e, con meno di 5 minuti si arriva, da ogni parte si vada, in un bel prato verde, proprio dietro i palazzi del centro (cosa, questa, che caratterizza la gran parte dei paesi e delle cittadine marchigiane).

In effetti mi ha deluso solo non averci incontrato un'anima (massimo 6 o 7 persone) ma erano le 12 di una calda domenica di inizio luglio...
Per la verità giusto visitando una chiesa ho incontrato una simpaticissima vecchietta che, vedendomi con la macchina fotografica al collo ha capito che ero un turista è mi ha raccontato vita morte e miracoli della beata Mattia, cui la chiesa è dedicata, ed il cui corpo è custodito sotto l'altare.

IMG_7083

IMG_7086

IMG_7084

IMG_7089

IMG_7091

IMG_7093

IMG_7094

La loggetta degli Ottoni.

IMG_7096

IMG_7095

IMG_7107

IMG_7104

IMG_7111

IMG_7112

IMG_7117

IMG_7115

IMG_7116

IMG_7128

IMG_7131

IMG_7132

IMG_7135

IMG_7139

IMG_7138

IMG_7137

IMG_7140

IMG_7150

IMG_7153

IMG_7152

IMG_7158

IMG_7157

IMG_7155

IMG_7159

IMG_7163

Sulla via del ritorno ci fermiamo nell'altrettanto calda, verde e deserta Esanatoglia. Anche questa cittadina, che fu denominata "Città Filetta" per la sua struttura filiforme e che fa parte del circuito dei "Borghi più belli d'Italia", merita una visita.

IMG_7219

IMG_7221

IMG_7228

IMG_7234

Guardando in alto, sulla vetta del monte Corsegno (quasi 800 metri) a dominare tutta la Valle di San Pietro, si può ammirare l'Eremo di San Cataldo, di origine medievale. Vi si arriva, essendo circa 4 chilometri fuori dell'abitato, salendo per alcuni tornanti e posteggiando l'auto a circa 300 metri, in uno spiazzo sterrato: la strada prosegue poi, costeggiata sulla destra da 14 edicole a ricordare la Via Crucis, fino all'eremo, dove è possibile ammirere, nella cappella del santo, decine e decine di ex-voto risalenti perfino al 1400.

IMG_7229

IMG_7242

La Fontana di San Martino.

IMG_7241

IMG_7240

IMG_7246

IMG_7245

IMG_7251

Una "casa dalle tre porte": questo tipo di abitazione ha origine medievale nelle regioni del centro Italia. In particolare la porta di destra era detta "degli sposi", quella di centro "del morto" e quella di sinistra era il normale uscio. Antichi documenti certificano che la porta "del morto" era in realtà chiusa (come si può vedere nella mia foto qui sotto) in muratura e che tale muro veniva abbattuto solo al momento in cui si rendeva necessario portar fuori di casa la salma di un familiare. Tale muro veniva poi, subito dopo, ricostruito.
Questa tradizione, in Esanatoglia, sembra sia stata in vigore fino al XVI secolo, quando venne eretta la Cappella degli Innocenti per vegliare i cittadini defunti. Il pittore Simone De Magistris ritrasse nella cappella una Natività nella quale appariva, alle spalle della sacra famiglia, un edificio a tre porte, quasi a tener viva la tradizione.


IMG_7250

IMG_7257

IMG_7265

IMG_7267

IMG_7266

IMG_7270

IMG_7272

IMG_7275

IMG_7273

IMG_7282

IMG_7278

IMG_7287

IMG_7289

5 commenti:

agavepalermo ha detto...

Ed io lo commento questo post molto interessante, anche perchè è un periodo che ho il "pallino" di andare nelle Marche, regione che non conosco e che sono convinta abbia molti luoghi che meritano di essere visitati. Mi piace quell'eremo lassù, e bè sono "particolari" pure le tradizioni delle tre porte!
Ciaooo
Evelin

stelladisale ha detto...

belli sti posti, neppure qui sono stata, a matelica c'è il verdicchio, sei andato anche a comprare il vino? io ovunque vado compro vino, nelle marche avevo preso del rosso conero direttamente in azienda buonissimo... comunque io son leone ma insisto lo stesso anche se non me li fila nessuno i miei post del lago, poi qui di lato vedo ancora i biscotti con la maionese per non se li filano neppure i feed, ti rendi conto? :-D

Sabrina ha detto...

Oh...mai sentiti! Mentre leggevo il titolo riflettevo che si, ero assolutamente persuasa della tua immensa cultura e intelligenza, ma questi due termini non li avevo mai sentiti in vita mia. Stavo per prendere il dizionario, quando ho deciso di leggere prima il post....:))) E sorpresa sorpresa..son due deliziosissimi paesini deserti!
Un bacione Jacopo caro.

Patrizia ha detto...

Ecco, io ho letto, e mo' commento pure ;)
Bellissimi i luoghi e molto belle le tue foto! Interessanti i tre usci per ogni casa!!
Sono stata nelle Marce mille anni fa...mi sa che è ora di rinverdire i ricordi...
Grazie!

BARBARA ha detto...

Davvero splendide le immagini; complimenti.