11 ottobre 2011

STROZZAPRETI AL RAGOUT VEGETALE

Cosa c’è di più bello che ricevere un regalo gradito? Soprattutto quando non te lo aspetti e non è legato ad eventi particolari ma, bensì, all’amicizia. E quando dall’ambiente lavorativo nascono delle amicizie fa ancora più piacere, perché si ha anche la conferma che si è lavorato bene (e di questi tempi è quasi un’utopia). Quanto sopra per dire che la scorsa settimana io e Claudia abbiamo ricevuto un più che gradito regalo (anzi, ben tre!), da due persone che con questo omaggio ci hanno anche messo un po’ in imbarazzo, visto che noi siamo pagati per fare il nostro lavoro (possibilmente nel migliore dei modi) e non dovremmo neanche accettare di questi regali: però, quando viene tirata in ballo la tua “reputazione” di foodblogger come fai a dire di no? Eh si, perché questi tre regali erano degli “strozzapreti” (una pasta fatta a mano con acqua, farina e un pizzico di sale) di farina integrale, una bottiglia di “vino del contadino” (quello buono e profumato, di una volta, e dallo splendido colore tra l’oro ed il rosa) ed un filone di pane casereccio alle noci (il tutto da Grottaferrata: un paese a pochissimi chilometri da Roma dove si vive, si mangia e si beve, ancora bene). Quindi non potevo non accettare sia il regalo che la sfida a rendere onore a queste delizie. Su consiglio di Claudia (non la mia, ma la persona che ci ha regalato quel ben di Dio) ho preparato, quindi, questi

STROZZAPRETI DI FARINA INTEGRALE CON RAGOUT VEGETALE

IMG_0370

INGREDIENTI (per 6 persone, e pure affamate):
Strozzapreti di farina integrale (ad occhio erano circa 2 kg.)
1 melanzana tonda
1 peperone
4 patate viola
3 zucchine
2 carote
5 pomodori Piccadilly
Mezza cipolla
Aglio
Olio
Sale
Pepe

PROCEDIMENTO: ho lavato, asciugato e mondato tutti gli ortaggi, riducendoli in piccolissima dadolata. Li ho fatti poi appassire circa 20 minuti a fuoco medio, lasciandoli però un po’ croccanti, in una padella in cui avevo preparato una base con uno spicchio d’aglio, la mezza cipolla tritata ed un paio di giri d’olio. Ho cotto, in acqua leggermente salata, gli strozzapreti per circa 9 minuti; una volta al dente con una schiumarola li ho tolti dall’acqua di cottura e li ho aggiunti direttamente nella padella con le verdure, ho amalgamato il tutto, aggiungendo una rapida grattugiata di pepe nero, e servito (con l’accompagnamento dell’ottimo vino, con il quale abbiamo brindato all’amicizia di Nella e Claudia).
Ottimi !!!

12 commenti:

Ale ha detto...

i piatti un pò rustici i piacciono molto

Claudia ha detto...

Bè li hai onorati degnamente!!!! quando si ricevono questo tipo di regali.. bisogna essere contenti! è roba buona.. genuina!!! smackkk a te e Claudia

stelladisale ha detto...

ecco questa per esempio sarebbe una ricetta perfetta per il discorso che facevo nel mio ultimo post, anzi mi sa che ste ricette le raccolgo e le linko...

Mariangela ha detto...

Dopo la gricia, un piatto vegetale completa l'opera!!!

JAJO ha detto...

ALE: più rustico (e gustoso) di così ! :-D

CLAUDIA: e fa più piacere se non te l'aspetti :-)

STELLA: ho letto ora e, infatti, stavo pensando di mandartela: linka pure :-D

MARIANGELA: e non finisce qui... :-D

Kiara ha detto...

Quanto mi piace questo condimento!!!!!!! Sei sempre il numero unooooo!!!!!!!!!!!

ristorante roma ha detto...

un bel piatto di STROZZAPRETI AL RAGOUT VEGETALE ci voleva proprio!! complimentoni è davvero invitante!

Sabrina ha detto...

Lo sai vero che gli strozzapreti son proprioproprio miei romagnolissimi? Bello il sugo vegetariano..anche perchè dopo la gricia.....:))))
Un bacione!!!

Andrea ha detto...

deduco che t'erano avanzate ancora 'ste famose patate viola...:))

JAJO ha detto...

KIARA: non per niente so' da'aa Maggica !!! hahahahahaha Grazieee

RISTORANTE ROMA: grazie, in fondo è semplice semplice... ma gustoso :-D

SABRINA: ma non state sempre a vantarvi e accontentatevi dei tortellini hahahahahaha In effetti, anche se con nomi diversi, sono praticamente in ogni regione italiana (in fondo non è altro che acqua e farina :-D)

ANDREA: ha' da vède quante ce n'ho, ancora hahahahaha

Lauradv ha detto...

Mi piacce doppiamenti il piatto, vuoi per il piatto in sè che mi fa impazzire vuoi per il contenuto che mi fa venire voglia di oltrepassare il monitor con una forchettata :DDDDD

JAJO ha detto...

LAURA: e pensare che c'è pure qualche... puntino fuori posto hahahahaha