06 aprile 2010

99 COLOMBE SPICCANO IL VOLO...PER NON DIMENTICARE

Un anno è passato e molte cose devono ancora tornare al loro posto; altre cose e persone, invece, purtroppo, al loro posto non torneranno mai più.
La fabbrica dolciaria de L'Aquila Sorelle Nurzia, invece, spinta dalle necessità ma anche e soprattutto dall'orgoglio, dal coraggio e dalla dignità di un gruppo di determinati abruzzesi, è stata tra le prime realtà a "rimboccarsi le maniche" ed a riprendere la produzione dei suoi fantastici dolci ad un solo mese dal tremendo terremoto del 6 Aprile 2009.
Circa un mese fa Mara, la responsabile del settore Progetti Speciali di Sorelle Nurzia, cercando per la propria azienda un nuovo canale di vendita, perchè gli aquilani e gli abruzzesi tutti, in questi mesi, hanno avuto ben altro cui pensare che non ai pur ottimi dolci made in Nurzia, scrisse una toccante lettera ad una blogger, Artemisia, che, con altrettanto carattere e determinazione, ha fatto con entusiasmo da cassa di risonanza alla richiesta di Mara.
Ora penso che tutti, oramai, a quasi un mese di distanza, ben sappiate che cosa è scaturito dalle capacità e dalla sensibilità di
Artemisia, e poi di Lydia, di Alexandra, di Francesca e di tanti altri blogger e non solo: mi limito ad accennare alla nascita del blog 99 COLOMBE ed ai suoi 272 sostenitori (nel momento in cui scrivo), ai 1.564 fan del profilo internet, ai tanti mass media che si sono interessati di Sorelle Nurzia e del contest cui mi onoro di partecipare.

Mara cercava di promuovere una nuova linea produttiva che non fosse soltanto legata al periodo natalizio, per la quale Sorelle Nurzia era maggiormente conosciuta, in modo da poter rilanciare economicamente l'azienda e da poter garantire ai suoi colleghi/amici un po' di serenità ed una sicurezza quantomeno economica: anche avere un posto dove andare a lavorare è un ottimo incentivo per l'umore di tante persone così duramente provate dal terremoto devastante che ha quasi raso al suolo una delle città più belle ed orgogliose d'Italia.
Ora, a leggere le prime righe della lettera di Mara ("...mi occupo di Progetti Speciali, di strategie, di nuovi modi di inventare un modo di proporre il marchio Sorelle Nurzia che è l'azienda per la quale lavoro..." si potrebbe quasi pensare che una scaltra donna di marketing possa aver trovato un canale di rilancio per la propria azienda battendo sul tasto della solidarietà e della sensibilità dei foodblogger. Niente di più sbagliato! Basta andare avanti nella lettura della lettera (per non parlare delle ripetute conferme avute attraverso gli innumerevoli scambi di e-mail o le tante telefonate fatte, parlando direttamente con lei) per capire veramente con chi si ha a che fare: una persona vera, orgogliosa, sensibile, che merita tutto il successo ed il riscontro che in questo mese hanno avuto lei stessa e l'azienda per cui lavora. Grazie al tam-tam telematico centinaia di ordini sono infatti arrivati, in circa due settimane, a Sorelle Nurzia e tante colombe sono volate da L'Aquila per arrivare addirittura in Francia o in Germania, oltre che in tutta Italia.
Speriamo, ora, che questo volo non sia estemporaneo, e che non voli soltanto grazie alle ali dell'entusiasmo di questa iniziativa, ma possa durare ininterrotto: ma di questo sono certo, perchè chi ha avuto la fortuna di conoscere i prodotti dolciari di Sorelle Nurzia (io avevo la fortuna di conoscerne già i torroni ed i torroncini natalizi) sono sicuro che non li abbandonerà più.

In bocca al lupo, per tutto, amici di Sorelle Nurzia !!!

E questo è il mio modo per sostenere, una volta di più, questa storica realtà dolciaria abruzzese:

MILLEFOGLIE DI COLOMBA CON CREMA
ALLA SCORZA DI LIMONE E WHISKY


INGREDIENTI (per 4 millefoglie monoporzione):

Per la base:
8 fette di colomba classica Nurzia (private della glassa)

Per la crema:
1/2 litro di latte intero
250 ml. di panna da montare
la buccia, grattata, di un limone
2 uova
50 gr. di zucchero
70 gr. circa di farina
2 cucchiai di whisky
(io ho usato il mio preferito: il Caol Ila,
un whisky torbato dell'isola scozzese di Islay,
particolare per il suo sentore affumicato)

Per guarnire:
pistacchi di Bronte
scaglie di mandorle

PROCEDIMENTO:
Ho tagliato le fette di colomba ad uno spessore di circa 1 centimetro e le ho schiacciate, tra due fogli di carta forno, con un matterello; ho poi grattato la buccia del limone con l'apposito attrezzo ricavandone dei filamenti lunghi circa un centimetro.
Nel frattempo avevo messo a scaldare il mezzo litro di latte; prima del bollore ho aggiunto la farina a cascata, lo zucchero, i filamenti di limone e poi le uova, mescolando fino ad ottenere una crema di scarsa consistenza.
Ho poi aggiunto i due cucchiai di whisky ed ho continuato la cottura, sempre mescolando, per un paio di minuti, fino ad un maggior addensarsi della crema.
Ho poi montato la panna e l'ho aggiunta alla crema, oramai intiepidita, mescolando delicatamente.
A questo punto ho iniziato ad assemblare il millefoglie: ho tagliato a metà ogni fetta di colomba schiacciata col matterello e, da ogni metà fetta, ho ricavato un disco con un coppapasta del diametro di 8 centimetri.
Ammetto che ho provato a tostare i dischi di colomba ma ho visto che, dopo un po', a causa della quantità di burro contenuta nell'impasto, continuavano ad essere morbidi, ed ho quindi preferito lasciarli così.
Ho disposto i dischi di colomba, alternandoli alla crema dl whisky aggiunta con una sac a pòche, ed ho guarnito il tutto con delle scaglie di mandorle e dei pistacchi di Bronte tritati a coltello.

Buon appetito... ma non dimenticatevi de L'Aquila e delle Sorelle Nurzia (perchè le commemorazioni fatte di sole parole non servono...)




25 commenti:

Alex ha detto...

È incredibile cosa si è riuscito a fare in un solo mese. Ne sono davvero contenta e orgogliosa.

Abbiamo fatto una ricetta molto simile e a leggere e vedere la tua mi pento di non aver messo della panna nella crema anche io.

Un abbraccio

enza ha detto...

mi sto dedicando un'oretta di giro nei blog amici a leggere i loro post e leggo solo cose intelligenti, con un senso, profonde è un piacere, un vero piacere leggere quel che scrivi e che sai che diventerà oggetto di riflessione a riflettori spenti.
quanto al wisky di prima mattinagiusto uno schizzo nel caffelatte ahahahahah

Edda ha detto...

Anch'io non potevo non passare...Speriamo veramente che questo volo duri a lungo!
Quasi decadente questo dolce voluttuoso e ci voleva il tocco virile del whisky ;-)

Ciboulette ha detto...

no, vabbe', io mi rifiuto di continuare a leggere le ricette stamattina, che sto tentando di rimettermi sui binari dell'ipocaloricita' :)

Speriamo davvero che l'azienda continui a prosperare, i tutte le stagioni dell'anno, Jajo!

Tania ha detto...

Non cambierei di una virgola ciò che hai scritto, condivido tutto e ovviamente anch'io mi auguro che le cose proseguiranno per il giusto verso!
Bellissimo utilizzo della colomba! Mai assaggiato quel whisky, non sono un'intenditrice ma immagino l'aroma che dà al dolce!

Claudia ha detto...

E' stata proprio una bella iniziativa... davvero bella! E tu ci hai partecipato egregiamente con questa tua ricetta.baci baci

MarinaV ha detto...

Boooono, il Caol Ila! Ottima idea!
Ma si sente bene nella crema? Due cucchiai son un po' pochini... :)

Belle le tue parole su questo "progetto", grazie mille!
Baci,
Marina

Diletta ha detto...

Io spero che questo volo prosegua e che non sia solo il volo di e per Sorelle Nurzia...spero che noi tutti si possa tornare a volare alto..

Un sorriso grande,
D.

Lauradv ha detto...

Jajo in questa ricetta vorrei proprio infilarci il cucchiaino!!! Baci Lauradv

Antonella ha detto...

Gnammmmm....che spettacolo!!!
Bravo colombino! ;))

€llY ha detto...

Bravo Jajo, hai fatto una cosa molto bella e la ricetta che hai presentato è molto gustosa!
Ciao ;D

JAJO ha detto...

ALEXANDRA: sono molto contento: per il "tuo" Abruzzo questo e altro :-D

ENZA: ci potremmo candidate tutti quanti alle prossime elezioni "Foodblogger per l'Italia"... hai visto mai !?! hehehehehe
Per quanto riguarda il whisky... uno schizzetto abbondante... tanto per affrontare le 4 iene hehehehehe

EDDA: grazie ! Sono sicuro che voleranno a lungo: e a Natale pronti con i panettoni :-D
Grazie per il "decadente": lo ritengo un bel complimento :-D

ELVIRA: hahahahaha; ne sono sicuro !

TANIA: voleranno, voleranno :-)
In effetti il retrogusto del Caol Ila è abbastanza affumicato, il che da alla crema un sapore ed un aroma tutto particolare che, devo dire (e non me l'aspettavo, sinceramente) è molto piacevole (Claudia si è divorato quel millefoglie hehehehe)

CLAUDIA: grazieeee :-)

MARINA: in effetti il Caol Ila l'ho aggiunto su circa metà della crema ma devo dire che si sente alla grande e due cucchiai (abbondanti :-D) sono la dose perfetta !

DILETTA: speriamo che anche il Nano decida di ...volare alto :-D

LAURA: facci pure ! hahahahaha

ANTONELLA: hahahahaha, confesso che mi sento un po' un brutto anatroccolo, tra tante colombe hahahahaha

€LLY: grazie anche a te :-D

Saretta ha detto...

Grande creazione anche questa.Credo che le Sorelle Nurzia potranno contare su un solido tam tam, anche perchè i loro podotti sono divini!Bacione

Paola ha detto...

E la glassa della colomba 'ndo sta??:)))Che fine le hai fatto fare?? Che bontà Jà!!

Patrizia (melagranata) ha detto...

Che meraviglia quella crema morbida e ricca!!
E condivido tutto quel che scrivi!Bravo, Jajo!

JAJO ha detto...

SARETTA: sui prodotti Nurzia ti do ragione (sentito che canditi ? :-D) ma ...non è che mi stai prendento per uno chef vero? Addirittura grande creazione... hahahahahaha

ZEPPOLAAAA: la glassa ??? Eehhhhmmmm..... Uuhhmmmmmm.... Eeeehhhhhh........... GNAM !!!! hahahahahaha

PATRIZIA: grazie !!! :-D

anna... ha detto...

squisito da leccarsi il piatto...
si può??

che carino il tuo blog...
ti lascio il mio nuovo indirizzo
http://unpodibricioleincucina.blogspot.com/
se ti và passa a trovarmi.. ^_^
mercy

banShee ha detto...

Ciao :)

Mi chiamo Elena e sul mio blog di cucina sto raccogliendo delle ricette, insieme agli altri food blogger, per creare una raccolta. :)

Si tratta di ricette "a colori" che verrebbero poi raccolte (citando ovviamente le fonti) in un ebook scaricabile da tutti gli amanti della buona cucina.

Se ti può interessare, questo è il link dove ci sono tutti i dettagli. :)

Raccolta ricette di cucina


Spero di aver destato la tua curiosità. :P

Ti auguro buona giornata,

elena.

Susina "strega del tè" ha detto...

Ciao!! Ho appena pubblicato il PDF "Tea recipes"!! Passa dalla mia cucina per poterlo scaricare gratuitamente!!
Ma non finisce qui!! Il signore del tè ha in serbo una piccola sorpresa per i partecipanti!!!
Bacio!!

Anna Luisa e Fabio ha detto...

Una preparazione strepitosa e veramente da leccarsi i baffi!
Complimenti!
Anna Luisa

Donibaneko ha detto...

Questo sembra spettacolare! Mi piace la tua crema di whisky
Mi piace il tuo blog, e mi piace la tua città ... Siete molto fortunati
Saluti da Barcellona

JAJO ha detto...

ANNA: fai pure e grazie della visita :-) Vengo a trovarti :-D

ELENA: grazie, vedrò "cosa posso fare" ;-)

SUSINA: che belloooo, anche il regalo dal Signore del The :-D

ANNA LUISA & FABIO: grazie !!! ;-D

DONIBANEKO: grazie, in effetti il whisky lega bene con la crema :-D
Bella anche la tua di città: purtroppo non ci sono mai stato, però :-(

Artemisia Comina ha detto...

caro jajo, vorrei che tutte le aziende abruzzesi adesso avessero i marketing migliori del mondo; ma mara mi diceva che ciò che ha studiato e fatto come marketing fino a quel 6 aprile, tutto è finito nel passato, e che oggi deve reinventarsi tutto (quel progetti speciali ha perfino qualcosa di provocarorio, col senno di poi). spero anche che noi abbiamo dato una mano a una di queste aziende a riprendere i rapporti con il mondo, a non sentirsi isolata in un contesto tutto mutato e sconvolto, a inventare quel qualcosa di nuovo di cui ha bisogno.

JAJO ha detto...

Ciao Artemisia, lo vorrei anche io, e non solo per quelle abruzzesi: ci sono aziende che ancora si devono riprendere dal terremoto irpino o da quello di Nocera Umbra. L'esperienza di larovo avrà certamente "favorito" Mara ma è ovvio che la realtà attuale è ben diversa e più urgente e precaria di quanto non lo fosse un anno fa, se al terremoto aggiungiamo anche la crisi dei mercati che si riflette nelle capacità di acquisto della gente. Per questo ho aderito con entusiasmo a "99 colombe", sperando che il gruppo continui a crescere (e gli acquisti, di conseguenza: per quanto mi riguarda continuerò di sicuro. Poi sei stata grande a mettere al corrente Castroni della cosa, così che i prodotti Nurzia possano essere presenti tutto l'anno sui loro scaffali)

matrioskadventures ha detto...

Troppo buono!