24 aprile 2010

MOSTRA MERCATO ALIMENTARE A CITTA' DELLA PIEVE

A Pasqua eravamo in Umbria. Anche se il tempo non era meraviglioso ci siamo comunque voluti avventurare a Città della Pieve dove, come ogni Pasqua, c'era la (XIII°) "Mostra mercato dei prodotti agro-alimentari e artigianali". Purtroppo il sabato non avevo portato con me la macchina fotografica (perchè me l'ero dimenticata nella mia auto ed alla fiera c'eravamo andati con quella del fratello di Claudia: sto perdendo colpi, lo so :-D): mi è dispiaciuto, anche se pioviccicava, perchè c'erano poche persone e la fiera si girava benissimo. Per fortuna c'era anche un banco che vendeva liquirizia in tutti i modi così ho avuto la scusa per tornarci il lunedì di Pasqua, in fondo Città della Pieve è a venti minuti da noi: c'era il sole e, stavolta, anche "tutto il mondo"... però ho potuto fare delle foto.
La fiera, certo non al livello di quelle francesi e tedesche, meravigliosamente raccontateci da Alex, ma è un gradino più su rispetto a molte altre fiere del genere del centro Italia.


Montepulciano vista da casa
I bei portoni e gli scorci di Città della Pieve
L'immancabile camion dei dolciumi
I primi espositori...
Al confine tra Umbria e Toscana
questo proprio non poteva mancare
Perfino gli insaccati a forma di maialino !!!
Ed ecco la meraviglia delle meraviglie:
uno splendido banco vendeva solo liquirizia...in ogni forma!
Bastoncini grezzi, scaglie, estratto liquido, liquore, biscotti, polvere...
Quindi, di qui a breve, su questi schermi
vedrete diverse cose preparate con la liquirizia

Che dire, poi, del banco siculo che vendeva arancine e cassatine, cannoli e frutta martorana ?
E di quello di Norcia ?
Ce n'era anche uno che vendeva soltanto cipolle di tutti i tipi: a trecce,
cipolle sott'olio, o ridotte a conserve e marmellate...

L'immancabile bruschetta con pane e olio toscano
Un espositore pugliese con splendide pagnotte
di pane di Altamura di 5 chili l'una
Le birre/candele (ma queste le facevo anche io anni fa :-D)
Il banco del produttore di miele (con tutti i barattolini di miele aromatizzato:
ho preso "solo" quello al limone, cannella, zenzero, arancia, liquirizia... :-D)
Tanti produttori umbri e toscani di caciotte e pecorini
ma io ho preferito prendere un fantastico Raschera al banco piemontese
In fondo formaggi umbrotoscani ho la fortuna di
poterli assaggiare quando voglio :-)
Prendete nota per il prossimo anno perchè ne vale la pena fare due passi in queste bellissime zone, soprattutto in questo periodo quando le giornate sono già lunghe ed abbastanza calde, oltre che con pochissimi turisti.
E per dormire potrete farvi coccolare da Fabio: siamo passati da lui a fargli gli auguri di Pasqua e, per colpa della sua amicizia, non siamo potuti tornare a casa a mani vuote: infatti, dopo la raccolta della Fagiolina del Trasimeno dello scorso anno, ha organizzato quella dello zafferano e poi quella delle pannocchie rosse, tutti prodotti suoi "BIOLOGICI". Quindi ci siamo portati a casa, con molto piacere, un chilo di farina di mais integrale (bellissima, di un colore arancio che affascina, e che molto presto vedrete su questi schermi) ed un pacco di maccheroncini che produce artigianalmente un suo amico marchigiano. Prodotti fantastici!

Posta un commento