05 marzo 2012

SCRIGNI DI PASTA PHILLO, SCAROLA, UVETTA E PINOLI

Non la trovo molto spesso, anche se oramai molti supermercati (oltre a negozi di prodotti etnici) la vendono, ma quando mi capita (complice anche Ancutza ed una delle sue passioni) la prendo perché è divertente da preparare (anche se doverla spennellare con olio o burro fuso per tenerla fresca non è proprio il massimo per una dieta) e perché rivestire e addentare le verdure con quel "cappottino" croccante è ancora più sfizioso.
Ma si, dai, avete capito: parlo della pasta phillo.
E qual'è il modo più semplice per utilizzarla se non quello di preparare scrigni o saccottini ripieni di verdure o carne trita?
Infatti io, con poca fantasia, ma tanta voglia di qualcosa di gustoso e, in fin dei conti, rapido da preparare ci ho fatto questi

SCRIGNI DI PASTA PHILLO ALLA "NAPOLETANA"
(per via della scarola)

IMG_0073


INGREDIENTI: per 4 persone (2 scrigni a testa)
2 cespi di scarola di media grandezza
una confezione di pasta phillo
mezzo bicchiere di vino bianco
due noci di burro salato (da fondere)
olive nere
pinoli
capperi
uvetta
olio
sale
pepe

PROCEDIMENTO: lavare accuratamente e tagliare in due o tre pezzi le foglie di scarola.
Metterle in una grande padella con un giro d'olio, mezzo bicchiere d'acqua, mezzo di vino bianco, una ventina di olive nere, ed un cucchiaio di pinoli, uno di capperi e uno d'uvetta.
Lasciare appassire la scarola per una ventina di minuti a fuoco basso, mescolando di tanto in tanto e aggiustando di sale e di pepe; a fine cottura scolare il liquido e lasciar raffreddare il tutto.
Mettere a fondere a fuoco basso un paio di noci di burro salato.
Piegare a metà i fogli di pasta phillo (meglio ancora ripiegarli in 3) e spennellarli con burro fuso (o olio); foderarvi una coppetta, spennellata anch'essa con burro fuso, e riempire con la scarola.
Chiudere i fogli di scarola a saccottino e spennellare ancora con burro fuso.
Scaldare il forno e, una volta preparati tutti i saccottini (velocemente e tenendo la pasta phillo man mano da utilizzare sotto un canovaccio umido, visto che si asciuga velocemente una volta tolta dal frigorifero), infornare velocemente a circa 200° per un quarto d'ora (o, a seconda del forno, finché i saccottini non saranno dorati in superficie).
Farli intiepidire lasciandoli nel forno aperto quindi toglierli dalla coppetta, capovolgendola su di un piatto, e servirli ancora tiepidi (ma anche freddi, anche se, in questo caso è preferibile utilizzare dell'olio anziché il burro fuso).

10 commenti:

Stefania Orlando ha detto...

E' anche una delle mie passioni, la trovo piu' sfiziosa della sfoglia anche nei dolci...
Questi saccottini oltre che certamente ottimi sono molto belli da vedere :-)

Marta ha detto...

mmm che buona la pasta phillo! questi scrigni sono bellissimi ;)

Claudia ha detto...

Io ora la trovo al PIM la pasta fyllo!!!!!!! l'ho utilizzata per mesi.. io l'adoro.. la preferisco di gran lungaalla pasta sfoglia.. è così croccantin!! Insomma hai fatto una torta dis carole con la apsta fyllo eh? ottima... baci a te e Claudia

Giovanna ha detto...

Nemmeno io la trovo spesso, mannaggia la miseria. Anzi, non la trovo affatto. E mi piace da mori', come tutto ciò che è greco.
Bella scelta, Jacopuccio. Un beso!

Ady ha detto...

Prorpio la settimana scorsa un gobbo di nostra conoscenza mi ha chiesto la pizza di scarola, e io da brava e solerte mogliettina l'ho accontentato, anche se senza uvetta e pinoli, bella l'idea della pasta phillo e delle monoporzioni, baci baci :))

Roberta ha detto...

Mai usata la pasta fillo, però mi ispira tanto.

Ancutza ha detto...

buonissima cosi', sai che ogni tanto faccio la torta cosi'(con scarola e uvetta) ma con la sfoglia, grazie per l'idea e per la citazione.
ps non ci avevo mai pensato alle calorie, ma secondo me non è più pesante rispetto alla sfoglia siccome la fillo e fatta solo con acqua e farina, senza nessun tipo di grasso aggiunto.Cosa ne dici? intanto io te ne pendo uno e uffa non potevi mandarmi la ricetta per la raccolta?

Paola ha detto...

Forte alla napoletana! Mi ricorda Natale a Napoli:)) Io non la trovo mai la fillo, oggi provo da Castroni mi sa...

Alex ha detto...

Io invece ho il problema inverso: non trovo facilmente la scarola! Pasta phillo qui a bizzeffe. Bella ricetta fusion :-)

JAJO ha detto...

STEFANIA-CLAUDIA: in effetti le cose fritte o comunque croccanti attirano sempre di più. Grazie.

MARTA: grazie (e pensare che è solo acqua e farina :-D)

GIOVANNA: ma dai, non ci credo... tu quoque!

ADY: ma dai, e io che pensavo ti chiedesse le pappardelle al sugo di castrato. Vabbe', gliele posto io :-D

ROBERTA: dai provala, è divertente da preparare, veloce e... sfiziosa.

ANCUTZA: non ce l'ho fatta prima :-(

PAOLA: dai, oramai anche in molti supermercati...
In effetti scarola uvetta e pinoli non so se sia proprio alla napoletana ma... mi piaceva :-D

ALEX: daaiiiiii: te la faccio trovare la prossima volta :-D