05 aprile 2009

AGGIO FATT' U RICUTTARO

E si, era diverso tempo che avevo letto dei post in alcuni forum di cucina su come fare il formaggio in casa (dopo il pane, il latticello ed il burro bisogna pure "evolvere", non pensate?) e, finalmente ho preso il coraggio a 4 mani ed ho fatto la mia prima ricotta.
Malgrado Claudia non si sia fidata ad assagiarla (peggio per lei) devo dire che sono veramente contento della riuscita del primo tentativo. E non pensavo fosse così semplice produrla...
Servono soltanto:
1 litro di latte intero (se trovate il "latte crudo" ancora meglio)
40/50 ml. di succo di limone (mezzo limone)
1 cucchiaino di sale fino
termometro da cucina, frusta per mescolare il latte sul fuoco ed una piccola fascella dove mettere a scolare la cagliata di latte.
Si mette il latte sul fuoco (io ho ridotto le quantità ed ho utilizzato mezzo litro di latte intero e 300 ml. di panna) portandolo a 90° ed aggiungendo durante la cottura il cucchiaino di sale.
Una volta raggiunti i 90° si aggiunge il succo di limone e si mescola con la frusta per qualche minuto, mantenendo la temperatura costante sui 90°.
Si lascia riposare per circa 15/20 minuti e poi si cola il tutto in una insalatiera, dove si lascia riposare (e solidificare) ancora per un'ora circa.
Ottenuta la cagliata si raccoglie con uno scolapasta e si sistema nella fascella ("sospesa" su un pentolino in modo che il siero coli sul fondo) e si pone in frigo per un'oretta circa a solidificare ulteriormente.
Per inaugurarla non l'ho spalmata sul pane ne mangiata a cucchiaiate ma l'ho accompagnata a del caffè sferificato...... MA QUESTA E' UN'ALTRA STORIA.......

TO BE...... PROSEGUED !!!!
HAHAHAHAHA

17 commenti:

Lydia ha detto...

A me sembravano olive!!!
Voglio provarci anch'io!!

JAJO ha detto...

LYDIUZZA meno male non hai fatto commenti in napoletano sul "ricuttaro" :-D
Ma nooooo: sono sferette di neanche mezzo centimetro di diametro :-)

cannella ha detto...

Ricuttaro pure tu?????
Marò che epidemia!!!!!
Claudia, donna di poca fede...l'Albi si è spazzolato tutta la mia prima ricotta!!!!
(secondo te un giorno ci arriviamo a fare una torta del Casar????)
Mille baci, tutto bene, il terremoto l'avete sentito? Che tragedia...

Kitty's Kitchen ha detto...

E bravo er Ricuttaro!
Complimenti per la riuscita dell'impresa!
Certo questo caffè sferificato mi mette una curiosità! Facci sapere presto come l'hai fatto! OK!?
Buon inizio settimana

Paola ha detto...

Noooooo, te l'ho detto cosa significa in napoletano!!!! Ora si affacceranno a capire chi "proteggi"....forse gli angeli?????

cassandrina ha detto...

Caspita, se è così semplice il procedimento e così gratificante il risultato ci provo pure io!
Pensa che su internet ho acquistato un kit con annesso libro di Ferran Adrià per la sferificazione, non ho ancora provato, ho paura che finisca subito!!
Tu come sei arrivato a quel risultato?

JAJO ha detto...

CANNYYY: Ma tra Albi e Claudia non ci può essere competizione hahahaha
Comunque scherzo: un pochina ne ha assaggiata (ma proprio pochina, visto che me la sono divorata tutta io: non pensavo venisse così saporita :-O ). Ma quando l'hai fatta tu ? Un bacioneee

KITTY: abbi fede :-D La ricottina, comunque, era proprio buona e non pensavo fosse così facile...

JIIIILLL: proprio perchè me lo hai detto...... l'ho fatta hahahahahaha

JAJO ha detto...

PAOLA: ho già pronto lo slogan "Con la ricotta degli Angeli vi sentirete.... in Paradiso" hahahahaha

JAJO ha detto...

CASSANDRINA: io ho acquistato il kit "creativo" da KALYS (http://fr.gastronomie.kalys.com/fr/catalog/195/kits ), in Francia (in tre giorni è arrivato a casa): puoi anche comprare i singoli addensanti, tipo Agar agar, Alginato di sodio; Xantana ecc..
Usarli è semplicissimo (anche se le istruzioni sono in francese) ma la delusione è per non essere riuscito a sferificare la panna ed il whisky (volevo fare un Irish coffee sferico :-D)

Aiuolik ha detto...

Io il coraggio a 4 mani per fare la ricotta ancora non l'ho preso...però a veder tutti i blogger che la fanno mi viene sempre più la tentazione... Continuo a farci un pensierino...

Ciaooo,
Aiuolik

Pippi ha detto...

caffè sferficato?????? wowwwwwww non lo conoscevo!!! hehehe la ricottaaaaaaaa ma quanta te ne viene con le dosi che hai usato tu?
quel to be presegued mi intriga non pocoooooooo visto le foto!!! ehehehe
buon lunedì!!!
Pippi

JAJO ha detto...

AIUOLIK: ma se non lo trovi tu il latte buono... :-D Dai provaaa: è veloce e facilissimoooo

PIPPI: sinceramente non l'ho pesata ma penso, ad occhio e croce, un paio d'etti o poco più: diciamo che nella fascella arrivava a metà, circa 4 centimetri... Ed il siero lo puoi usare per farla le volte successive, invece di mettere il limone...

Valeria e Marco, ovvero i Filibustieri ha detto...

e mo' devo farla anche io... solo che mi manca il termometro da immersione, ne ho uno per il forno ma non va bene... mi attrezzo e ci provo...

Antonella ha detto...

bene bene bene...domani passo sotto il vostro ufficio...vorrei 300 gr. di ricotta, 100 gr. di burro e il latticello...poi vorrei assaggiare quelle palline sferificate.....ehmmm..io adoro il caffè..quindi...facciamo un centinaio????:D
Scherzi a parte....complimenti!!! Gran bel risultato ;-9
bacioni

Lo ha detto...

bravissimo!!! sono soddisfazioni!

Dida70 ha detto...

Oh Jajo tu una ne pensi e cento ne fai!
questa ricotta ha un aspetto morbidissimo...ma il caffè sferificato è una vera ...chicca di hico eh eh eh aspettiamo con ansia il prosieguo... e men male che lo spaevi cosa significa da noi o'ricuttar!!!!
sei mitico!
dida

JAJO ha detto...

VALERIA: aspetto la tua allora :-D

SABRINANTONELLA: ricotta e latticello sono pronti: se ti metti sotto la mia finestra te li tiro giù :-PPP

LO: de 'sti tempi ci si deve accontentare :-D