16 novembre 2011

TIMBALLO DI ANELLETTI ALLA PALERMITANA (ALLA JAJO)

E rieccomi qui, ma stavolta senza niente di romano, anzi... questa ricetta è siciliana, palermitana per la precisione. Ho voluto assolutamente provare, durante le vacanze sicule dello scorso anno, questo piatto di cui avevo letto da diverse parti e... non ha deluso le aspettative, tanto che poi mi sono dato da fare per cercare gli anelletti anche a Roma e, da bravo ariete ascendente ariete, non mi sono dato per vinto e li ho trovati !
Come mio solito, però, ho voluto "rivisitare" la ricetta (ispirandomi a quella dell'amica EVELIN, palermitana DOC) e la voglio dedicare, vista la facilità di realizzazione, la bontà e... il sorriso che dona il semplice vedere il piatto pronto, ad Alice Ginevra ed ai ragazzi della Cooperativa Sociale Gulliver di Borghetto di Vara (che purtroppo non se la stanno spassando proprio bene in questi terribili giorni). Sono sicuro che Alice Ginevra non me ne vorrà se divido il suo "regalo" con loro.
Patrizia, che si è fatta promotrice di questa iniziativa tra blogger (mentre le sue due splendide figlie sono in strada a fare gli "Angeli del fango", cercando di far tornare per quanto possibile Genova alla vita di tutti i giorni) li ha presentati qui, ma confesso che non c'è bisogno di tante parole per sentirsi coinvolti: basta vedere le foto sul suo blog, o questo filmato al minuto 7, per partecipare a questa iniziativa (che non è un contest, un concorso ma ...semplice solidarietà umana), cercando di ridar loro quantomeno un sorriso che possa aiutarli a rialzare la testa, rimboccarsi le maniche e cercare di ricominciare, per la seconda o terza volta, una vita che non sarà più come prima e che lascerà immagini amare dentro i loro occhi per sempre.
Auguro ad Alice Ginevra di crescere sana apprezzando i buoni sapori, sperando non dica mai (ma di questo sono sicuro) "che schifo", come a troppi bambini sento dire ogni giorno; ed agli anziani, ai bimbi ed ai disabili della Cooperativa Gulliver auguro, invece, di poter guardare ancora con fiducia alla vita.
A tutti voi dedico questo

TIMBALLO DI ANELLETTI

IMG_0592

INGREDIENTI (per 6 persone):
500 grammi di anelletti
(io ho trovato i Tomasello ma li fa anche la Barilla)
3 salsicce macinate a grana grossa
funghi porcini secchi
200 grammi di piselli prelessati
mezza cipolla piccola
olio extravergine d'oliva
1 bottiglia di salsa di pomodoro
mezzo gambo di sedano
mezzo bicchiere di vino rosso secco
2 fette di mortadella (facoltativa)
pangrattato
parmigiano grattugiato
una grattatina di pepe nero

PROCEDIMENTO: ho preparato un soffritto con la mezza cipolletta, il sedano e l'olio, cui ho aggiunto dopo pochi secondi, le salsicce aperte e schiacciate con i rebbi di una forchetta.
Ho aggiunto il vino rosso e lasciato evaporare l'alcool, quindi ho aggiunto anche la salsa di pomodoro e mandato in cottura, a fiamma media, per una ventina di minuti.
Ho quindi aggiunto i funghi porcini, dopo averli fatti rinvenire in acqua calda (che ho unito, dopo averla filtrata, al sugo).
Dopo altri cinque minuti ho aggiunto anche i piselli (essendo fuori stagione ho dovuto usare quelli in barattolo) e terminato la cottura per altri 10 minuti circa, lasciando il sugo un po' liquido (ma non troppo).
Nel frattempo ho messo a cuocere gli anelletti, scolandoli al dente dopo 7/8 minuti ed unendoli poi al sugo, mescolando bene.
Ho unto una pirofila e l'ho spolverata abbondantemente con del pangrattato.
Ho fatto uno strato di anelletti al sugo (circa 3 mestoli), l'ho ricoperto con le due fette di mortadella e, quindi, con i rimanenti anelletti.
Con dell'altro pangrattato ho spolverato la padella in cui ho preparato il sugo, raccogliendo quello rimasto, e ci ho spolverato la superficie del timballo assieme a due o tre abbondanti manciate di parmigiano grattugiato ed una grattatina di pepe nero.
Ho infornato il tutto a 200° per una decina di minuti e servito non appena il forno ha iniziato a... profumare casa.

IMG_0589

Ad Alice Ginevra auguro buon appetito futuro...


Ai ragazzi (dai 0 ai 100 anni) della Cooperativa Gulliver (della quale qui sotto trovate il codice IBAN in caso vogliate donare, come farò io, qualcosa per aiutarli a ricostruire il proprio presente ed il proprio futuro) auguro.... in bocca al lupo, per la vita !

15 commenti:

Saretta ha detto...

Gesto nobilissimo Jajo!E credo che la piccolina non potrà che essere d'accordo:D
Ma pure tu ti ci metti z farmi aumentare la nostalgia della Sicilia?!Eh no amico, non si fa cussì!!!;)
Buona giornataaaa
Sara

Saretta ha detto...

PIESSE:grazie ovviamente x la segnalazione..

la Melagranata ha detto...

Jajo, che dirti? Un abbraccio grandissimo e fortissimo a distanza!! Hai scritto cose bellissime e...uff! Ora mi commuovo "turna" (che a Genova significa :ancora!)
Grazie di aver partecipato!Dai un bacio tu alla piccola Alice Ginevra per me..tra poco vado a mettere una ricetta per lei nel blog della sua mamma e del suo papà!!

L'angolo cottura di Babi ha detto...

Che spettacolo il tuo timballo, mi fa venire una fame!! Bello il tuo blog, a presto, Babi

JAJO ha detto...

SARETTA: e dai... mica sono cannoli o cassate :-D

PATRIZIA: e di che? DOVERE !! :-D

BABI: benvenuta e grazie :-D

Luca and Sabrina ha detto...

Per Alice Ginevra hai ragione, questo piatto lo mangerà quando sarà più grande, ma a noi concedi di prepararcelo prima?
Certo che siamo contenti di dividerlo con Patrizia.
Noi siamo stati tra i fortunati. Tre ore prima dell'alluvione eravamo a Santo Stefano di Magra e abbiamo vissuto quei primi attimi in compagnia di una pioggia furiosa e del lungo mare allagato con i cassonetti che viaggiavano come barche per tutta la statale. Una gimkana molto poco divertente.
Un abbraccio dando dando forte, tra uno starnuto ed un colpo di tosse da Luca&Sabrina ed un baciottissimo da Alice Ginevra che per fortuna è piena di anticorpi e si sta difendendo benissimo da questa stagione anomala.

agavepalermo ha detto...

Jajo è un vero onore che tu abbia rivisitato una ricetta tradizionale siciliana preparata da me per dedicarla ad una splendida bambina e ad una iniziativa così nobile. Grazie veramente e spero di poter anche io partecipare a questa iniziativa di solidarietà.
Evelin

JAJO ha detto...

LUCA & SABRINA: mamma mia, l'avete scampata bella...
Vedrete che presto la tosse passerà e vi potrete godere una bella mangiata con Alice Ginevra :-D

EVELIN: si, proprio da te ho preso ispirazione (e dagli anellini della Focacceria :-D).
Complimenti per il nuovo blog e per tutte le tue creazioni!!!

Lefrancbuveur ha detto...

Mitica ricetta!

Chiara e Marco ha detto...

Questa è davvero una bella iniziativa, continuo a dirlo sempre, in ogni blog in cui vado.

Buona anche la ricetta del tuo timballo.

Marco di Una cucina per Chiama

Ancutza ha detto...

Ciao Jajo, invitante questo piatto, non l'ho assaggiato nelle mie vacanze siciliane quindi è il segno dovrei tornarci al più presto. Se ti va passa da me, ti ho passato la palla per il 7 links project sperando che ti faccia piacere...diversamente puoi sempre rifiutare:). Buona domenica ed a presto.

BARBARA ha detto...

Il timballo alla Jajo mi piace proprio!

JAJO ha detto...

ENRICO: grazieee :-D

CHIARA E MARCO: quando è a fin di bene le ricette sono anche più gustose :-D

ANCUTZA: ora mi organizzo e... tiro fuori scheletri dagli armadi :-D

BARBARA: grazie :-D

ristorante parma ha detto...

questa ricetta mi sembra deliziosa

Marco ha detto...

Se può essere utile, a Roma da noi potrete trovare gli anelletti e gli altri formati della pasta Tomasello, siamo distributori, facciamo anche spedizioni o possiamo indicarvi in quali negozi poterli trovare. Saluti