10 settembre 2008

2008: ODISSEA TRA I PARENTI (4) Arona e Stresa

Ed eccoci arrivati anche ad Arona: stavolta l'autostrada era si trafficata, molto, ma scorrevole (anche se ho definitivamente capito, con i 6000 km "guidati" negli ultimi 2 mesi e mezzo, che gli italiani non sanno guidare e che non hanno il minimo rispetto per la sicurezza degli altri automobilisti: vi assicuro che ho visto veramente di tutto sulle strade in queste settimane. Quello che non ho mai visto sono state pattuglie della stradale, e questo in luglio ed agosto non mi pare buono).
Ad Arona ci accoglie subito la statua del SanCarlone, che raffigura San Carlo Borromeo, nativo di Arona. D'altronde la signorina del navigatore dice che il nostro albergo è proprio a 63 metri dalla statua, tanto che potremo poi ammirare, dalla finestra della camera da letto, la sua testa spuntare dagli alberi. La statua, alta 24 metri (più 11 di basamento) è "scalabile", nel senso che all'interno ci sono 3 scale (l'ultima a pioli) che arrivano fino al naso del santo, ed è la seconda al mondo per altezza, dopo la Statua della Libertà (che venne realizzata proprio sulla falsariga del Sancarlone).
La statua del Sancarlone e, sulla destra il nostro albergo vistalago: notate le dimensioni della statua; sulla sinistra una delle stazioni (santuari) del Sacro Monte (mai terminato) dedicato al santo. E questa è la vista dal nostro albergo: incantevole !
Ma questo è un tour parentesco, non turistico, quindi eccoci subito a casa dei parenti di Arona (dove, ahimè :-D , troviamo anche la suocera ad attenderci). Le giornate sono belle quindi ne approfittiamo subito per fare una bella passeggiata sul lungolago di Stresa, solo pochi chilometri da Arona. Il lungolago è famoso per il panorama che si può godere, con le prealpi svizzere all'orizzonte, ma anche per i magnifici albeghi (sedici stelle) che si susseguono l'un l'altro.
Non oso pensare alle tariffe..... Questo è il Regina Palace (sul sito una visita virtuale agli interni).
Cui seguono il La Palma, il Grand Hotel del Iles Borromees, il Villa Aminta ed altri. Ma io mi accontento di ammirarli da fuori (anche se una capatina dentro un paio di alberghi mi sarebbe piaciuto farla...). Ma il panorama del lago, circondato dai monti e punticchiato dalle isole Borromee, ci spinge a continuare la passeggiata. Qui, sullo sfondo a sinistra, l'Isola Bella.
Piegando la testa verso destra vedrete il profilo di Polifemo.
Spero non vi siate mangiati troppo i gomiti (si!!! C'è gente che se li può permettere !!!), perchè i prossimi due post saranno incantevoli....

Posta un commento