25 febbraio 2009

POLENTA TARAGNA CON CHAMPIGNONS

Quest'estate a Bergamo, durante "l'Odissea tra i parenti", avevo preso due pacchi di polenta taragna (un misto di farina di granoturco e di grano saraceno) ma, complice il caldo invernale (!!!) erano ancora intonsi in dispensa. Avvicinandoci alla primavera le temperature crollate vicino, se non sotto, lo zero mi hanno spinto a tirarne fuori almeno uno. A dire la verità l'idea me l'ha data LEI (oltre che "costringermi" a comprare, dopo il libro delle Simili, anche la mescolatrice della Tupperware, su Ebay, la cui vista sul suo blog mi aveva letteralmente fulminato. A vedere la sua cupola di polenta mi era immediatamente venuta l'idea di replicarla, ma soltanto dopo averla abbondantemente riempita, e così ho fatto.
Attesi i due o tre giorni, necessari per l'arrivo della mescolatrice, mi sono subito messo all'opera: ho preso una vaschetta di champignons e, dopo averli puliti e tagliati a tocchetti grossolani, li ho fatti andare in padella, una ventina di minuti scarsi, con mezzo bicchiere di vino bianco (malvasia del Lazio vinificata secca), un cucchiaio d'olio ed uno spicchio di aglio in camicia. A fine cottura ho tolto l'aglio ed aggiunto un cucchiaino di pepe appena macinato. Intanto ho messo a bollire circa un litro d'acqua (per 4 porzioni scarse, 3 giuste o 2 abbondanti.... dipende dai gusti). A bollore raggiunto ho salato ed aggiunto un giro d'olio ed ho poi iniziato a versare la polenta (200 grammi) a filo. Ho amalgamato con la frusta 2 o 3 minuti ed ho poi aggiunto 80 grammi di Taleggio; ho continuato ad amalgamare per altri 3 minuti, finchè il formaggio non si è fuso alla perfezione. Poi ho versato un paio di mestoli di polenta nella mescolatrice (la cima della cupola) ho scavato una piccola fossetta che ho riempito con i funghi oramai intiepiditi, ed ho versato la polenta rimanente, livellando con il dorso dello sgommarello.
Ho chiuso la mescolatrice con il tappo ermetico ed ho messo il tutto da parte per circa un'ora e mezza. Dopodichè ho capovolto il tutto su un piatto da portata e servito in tavola..... giusto giusto per andarsi a "godere" una sconfitta della Roma in Champions... :-(((

APPROFONDIMENTO: allora, la ciotola l'ho vista su Ebay da 7,5 (senza doppio coperchio) - 5 - 3 e 1,5 litri con costi variabili dai 15 ai 40 euro circa. E' in plastica antiaderente all'interno e fuori è rivestita in gomma quindi fornisce anche un effetto "termico" (infatti ha addensato alla perfezione la polenta, ma può anche sciogliere del cioccolato aggiungendo semplicemente acqua calda (che poi si scola non essendo mescolato al cioccolato) ed addirittura, a fine lievitazione, "salta" automaticamente il tappo trasparente più piccolo). Il bello è che per amalgamare tutti gli ingredienti (tipo per fare il pane) basta chiudere il coperchio ermetico e rotearla, facendo "dei cerchi" orizzontalmente 4 o 5 volte, allontanando e riavvicinando le braccia al torace (vedi QUI).
Posta un commento