27 novembre 2010

SICILIA 2010 - PALERMO

Finalmente eccoci a Palermo ! 
Subito, arrivati da Cefalu, ci accoglie la gentilissima Raffaella, col suo pancione di 8 mesi abbondanti, e ci mostra la nostra stanza. Il suo è uno dei migliori B&B in cui ci sia capitato di soggiornare e, non per farle pubblicità (che pure merita in pieno) ve lo consiglio vivamente: il Piccola Sicilia è un gioiellino in cui ci troviamo come a casa nostra (o, addirittura meglio, visto che la colazione con le torte fatte in casa a casa nostra raramente ci capita di farla). Stanze e bagni appena ristrutturati e curatissimi, posizione centrale (a 10 minuti a piedi da Ballarò e dal Duomo), Raffaella, appassionata amante dei libri, dell'arte e della buona musica (oltre che ottima cuoca: malgrado le notti in bianco per la gravidanza trova anche la forza di coccolarci con i suoi dolci a colazione). Insomma... non ce ne saremmo mai andati ! 
Il giorno dopo è tutto dedicato a Palermo e... beh... se in due giorni ho scattato 730 fotografie un motivo ci sarà. Se puntate ad ottenere la santità o, quantomeno, la beatificazione, mettetevi comodi che si va ad incominciare il tour dei più begli scorci palermitani.
Iniziamo dal salire sulla splendida San Giovanni degli Eremiti, dal cui campanile si gode di un panorama a 360° su Palermo, compresi il Palazzo Reale e il Duomo. Poi ci dirigiamo verso il mitico mercato di Ballarò.

IMG_2978

IMG_2981

Poi ci dirigiamo verso il mitico mercato di Ballarò.

IMG_2985

IMG_2986

IMG_2989

IMG_3013

IMG_2992

I tenerumiiii !!!

IMG_3000

IMG_3001

IMG_3019

Il percorso quasi obbligato ci porta verso la splendida Chiesa della Martorana: fondata alla metà del 1100 è uno dei massimi esempi di arcitettura bizantina ed il rito che vi si svolge, malgrado la proprietà sia della Chiesa, è ortodosso. L'interno, come per la Basilica di Monreale, è un tripudio di mosaici.
Tutti conoscerete la "frutta Martorana", che dal convento fondato da Eloisa Martorana prende il nome: nell'estate del  1537 Carlo V visitò Palermo. Nel giardino della chiesa vi erano alberi di aranci, ovviamente in quel periodo senza frutti. Le monache, per far figurare il giardino ben curato, fecero delle arance di pasta di mandorle e le colorarono, dando al giardino un effetto più vistoso e bello. Inventarono così i frutti di Martorana.

IMG_3029

IMG_3032

IMG_3038

IMG_3040

Poi ci si dirige verso la bellissima Piazza  Pretoria, dove si rimane affascinati dall'omonima fontana cinquecentesca, e poi verso il centro esatto di Palermo: i Quattro Canti. Un crocicchio ottagonale che raffigura le stagioni, le quattro sante patrone di Palermo ed i quattro re spagnoli che regnarono sulla città.

IMG_3026

IMG_3059

IMG_3068

IMG_3069

IMG_3072

IMG_3078

IMG_3082

IMG_3084

IMG_3099

Oramai è ora di pranzo, quindi ci dirigiamo verso la mitica Focacceria San Francescco, dove coccoliamo il palato dal mitico panino con la "meusa" fino al dolce (e non siamo i soli a gradire...).

IMG_3102

IMG_3106

IMG_3109

DSCF3765

DSCF3766

DSCF3768

DSCF3776

DSCF3777

IMG_3116

IMG_3117

IMG_3126

IMG_3128

IMG_3138

DSCF3786

IMG_3151

IMG_3152

Scendiamo fino alla  Porta Felice,  per arrivare poi alla Passeggiata delle Cattive: originaria del '600 e gravemente danneggiata dai bombardamenti della Seconda  Guerra  Mondiale, la passeggiata  sopraelevata si affaccia sul mare ed è abbellita da  palazzetti in stile Liberty.
Il nome deriva dal latino  "captivae"  (=prigioniere) e si riferisce  alle vedove,  considerate prigioniere   del   dolore  dovuto  loro  dalla  vedovanza.   Queste,   per  rispetto  della  loro condizione,  si videro riservato un percorso  "privato",  a distanza  dalla folla "comune", che passeggiava sul sottostante lungomare. 

IMG_3157

IMG_3164

IMG_3165

IMG_3170

IMG_3172

IMG_3174

IMG_3181

IMG_3188

IMG_3191


Tornando  verso  il  Giardino  Botanico  possiamo  notare  anche  il carro  dedicato  a  Santa Rosalia, in allestimento per la festa che verrà dedicata alla Santa il 15 luglio. 


IMG_3194

IMG_3195

IMG_3196

IMG_3199

IMG_3200

IMG_3201

IMG_3204

IMG_3205

IMG_3217

IMG_3221


Dopo  aver  preso  un  bel  the freddo alla  Vuccirìa,  l'altro  famoso  mercato  palermitano, arriviamo  al  Teatro  Massimo,  davanti  al  quale  possiamo  scoprire  i più moderni  metodi destinati  alla  lotta  alla  malavita: ..............SUPERMAN !!!!!! 

IMG_3253

IMG_3254

IMG_3263

E domani si visita il Duomo !

Posta un commento