29 settembre 2009

SUGO DI GALLETTI (FINFERLI)

Che poi sarebbero i miei funghi preferiti (insieme alle Mazze di tamburo, soprattutto se fatte alla brace).
Ho sempre amato questi funghi (Galletti, Gallinacci, Galluzzi, Finferli, Cantarelli, tanti sono i nomi, che variano da zona a zona), fin da quando, da ragazzino, andavo in giro per i boschi dei Colli Prenestini insieme a mio padre. Una volta ricordo che, ai margini del bosco che confinava con la vigna di un nostro amico, ne trovai due famiglie enormi: non ricordo il peso esatto ma mi pare che, tutti insieme, sfiorassero gli 800 grammi... ci facemmo un sugo per condire le fettuccine per 10 persone !
Quindi, quando li ho visti al supermercato (anche se il sogno sarebbe di rifarmi una bella passeggiata insieme a mio padre, in un boschetto, per andarli a cogliere, ma capisco che sarebbe per lui troppo faticoso, ed anche per me, ultimamente... che sto a diventa' sedentario... ^_^ ), non ho potuto fare a meno di fiondarmici: ho scelto il cestino con i funghi più belli e freschi e, immancabilmente, è partito lo...

SPAGHETTO ALLA CHITARRA CON SUGO DI FINFERLI

Immagine da Internet

INGREDIENTI (per 4 persone):

500 grammi di spaghetti alla chitarra
400 grammi circa di finferli/galletti, puliti e tagliati in due o tre pezzi,
8oo grammi di pomodori da sugo (privati di buccia e semi); in alternativa un barattolo da 800 grammi di pomodori pelati o a pezzettoni
aglio in camicia (uno spicchio)
olio
vino bianco (1/2 bicchiere)
peperoncino
un pizzico di pepe
parmigiano/pecorino (a gusto proprio)

PROCEDIMENTO:
Mettere l'aglio in camicia, schiacciato con il palmo della mano, ad imbiondire con un paio di giri d'olio evo. Dopo un minuto scarso aggiungere il bicchiere di vino bianco secco (attenti agli schizzi d'olio) ed aggiungere i pomodori (dopo averli sbollentati per un paio di minuti, avergli tolto buccia e semi ed averli tagliati a pezzettoni). Quando i pomodori iniziano ad appassire aggiungere qualche seme di peperoncino ed i funghi.
Lasciare in cottura per una quindicina di minuti a fuoco vivace, finchè il sugo non inizia a "tirare".
Scolare la pasta al dente direttamente nel saltapasta con sugo e funghi, mescolare bene e servire (per chi vuole si può aggiungere un pizzico di pepe, ed una manciata di parmigiano/pecorino).
Scusate se la foto è orrenda ma quelle scattate più vicine con il macro sono venute un po' sfocate o appannate dal vapore della pasta (ed io, sinceramente, avevo più voglia di inforchettare che di scattare le foto...)

P.S.: questo sugo è ottimo per essere conservato o surgelato. Potreste prepararne un buon quantitativo e metterlo in barattoli, provvedendo a sterilizzarli per bene.

Posta un commento