25 marzo 2008

TORTANO..... E NON SOLO

E rieccoci qui, un po' più cicciottelli del solito, dopo questi tre giorni di pioggia e di conseguenti mangiate, che però sono serviti per farci tirare un po' il fiato in ufficio.
Avendo un po' di tempo a disposizione, oltre alle ultrascontate classiche pietanze pasquali (coratella, carciofi fritti, corallina, pizza al formaggio, lasagna e cotolette d'abbacchio panate... per tacer della colomba e delle uova di cioccolato...) mi sono voluto misurare nella preparazione del Tortano, che da un annetto avevo in mente di provar a fare.
Devo dire che, mentre per i dolci ultimamente ho un po' perso la mano, il risultato con il Tortano è stato eccellente. Quindi vi indico gli ingredienti, specificando che ho "rivisitato" un po' la ricetta reinterpretando quelle del Tortano e del Casatiello: pertanto il mio è più un... TORTAN(IELL)O !!!

INGREDIENTI per un tortano di 26 cm. di diametro:
1/2 chilo di farina 00
1 cubetto di lievito
60 gr. di strutto (io ho usato quello preso da Stefano... OTTIMO!!!)
un pizzico di sale
pepe (almeno due/tre cucchiai): io ho usato un misto di pepe nero, pepe rosso e pepe di sechuan
230 gr. di provolone piccante, emmenthal e pecorino romano (tagliati a dadini)
230 gr. di salame (corallina senza grasso o salame Napoletano)
4 uova (da tagliare a spicchi piccoli oppure 12 uova di quaglia da tagliare a metà)
70 gr. di ciccioli (passati non troppo finemente al frullatore per 5 secondi)

Fate la fontana con la farina aggiungendo il lievito sciolto in mezza tazza di acqua tiepida, il sale, un cucchiaio di pepe e lo strutto sciolto in un padellino; mescolate poi fino ad ottenere una pasta morbida ed un po' elastica (battetela una decina di volte sul tavolo). Mettetela poi a lievitare per un paio d'ore in una terrina coperta con un canavaccio; nel frattempo preparate le uova sode e tagliate salame e formaggi a dadini piccoli.
Quando la pasta avrà raddoppiato di volume spianatela in forma rettangolare con le mani ad uno spessore di poco meno di un centimetro. Disponete su tutta la superficie della pasta il misto di salame, formaggi, ciccioli, dadini di uovo sodo e pepe (che conviene mescolare insieme in una insalatiera) arrotolandola poi il più strettamente possibile.
Mettete il "serpentone" di pasta, torcendolo leggermente (da qui il nome), in uno stampo (ruoto) appena spennellato con strutto sciolto e fate lievitare per un altro paio d'ore, coperto come prima.
Dopo la seconda lievitazione infornatelo a forno già caldo a 160° per i primi 10-15 minuti e poi cuocetelo per altri 40-45 minuti a 180°. Tiratelo fuori dal forno quando sarà tiepido e toglietelo dallo stampo. Si può mangiare sia a temperatura ambiente che dopo averlo rimesso, a fette, in forno per un paio di minuti.
PERCHE' QUESTE COSE SI FANNO SOLO A PASQUA ?????
E COME POTEVANO MANCARE LE MITICHE PIZZE UMBRE AL FORMAGGIO DI CLAUDIA? Per ingredienti e procedimento date un'occhiatina QUI !
Posta un commento