13 febbraio 2008

LE MIE PRIME CARAMELLE MOU

Dopo essermi cimentato nella produzione di liquori (alla cannella ed alla liquirizia), avendo una bottiglietta di panna che da qualche giorno mi osservava sconsolata dal ripiano del frigo, mi sono voluto buttare nella produzione delle CARAMELLE MOU. Questa volta ho provato con il miele di tiglio ma penso che il millefiori sia più delicato e neutro.
Per una cinquantina di caramelle di vogliono 250 ml di panna, 250 gr. di zucchero, 30 gr. di burro e 60 di miele. Si mette il tutto in un pentolino e, rimestando continuamente ma senza produrre schizzi, si porta a bollore vivace fino alla temperatura di 120°-122° (se non avete il termometro da cucina prelevate con un cucchiaino una po' di composto e fatene cadere una goccia in una bacinella con acqua molto fredda, magari dopo avervi messo qualche cubetto di ghiaccio. Se la goccia diventa una pallina che rimane solida tra le dita, la cosidetta "media bolla", il mou è pronto). Colate il tutto in stampini per cioccolatini o in una teglia ricoperta di cartaforno ed aspettate un paio d'ore. Se utilizzerete la teglia potrete "tagliare" le caramelle a cubetti con un coltello dalla lama liscia appena imburrato o unto. Si possono conservare (ammesso che si riesca a resistere) in una scatolina di latta tra strati di carta forno oppure incartandole una ad una con della carta da caramelle che troverete nelle cartarie fornite.
Ed ora i liquori.
Per il LIQUORE ALLA LIQUIRIZIA: zucchero 230 gr., acqua 600 ml., liquirizia 40 gr., alcool a 95° 200 ml.. Sciogliere mescolando in un pentolino con l'acqua i cilindretti di liquirizia (stecchette spezzettate o caramelle Saila, anche se sono un po' aromatiche) e lo zucchero. Una volta freddo aggiungere l'alcool ed imbottigliare. Nella prima settimana filtrare una volta ogni tre giorni e poi imbottigliare definitivamente. Dopo un paio di settimane il liquore è pronto.


Per il LIQUORE ALLA CANNELLA: zucchero 150 gr., acqua 500 ml., alcool a 95° 300 ml., cannella a piacere (dipende da quanto lo si vuole "cannelloso": io ho utilizzato due stecche da 50 centimetri spezzettate). Procedimento: mettere in infusione le stecchette di cannella in 200 ml. di alcool in un barattolo a chiusura ermetica per una decina di giorni, avendo cura di agitarlo una volta al giorno. Dopo una decina di giorni preparare uno sciroppo con l'acqua e lo zucchero e, una volta freddo, unirvi l'alcool oramai aromatizzato dalla cannella, dopo averlo filtrato un paio di volte, ed i rimanenti 100 ml. di alcool. Imbottigliare avendo cura di filtrarlo ancora un paio di volte la prima settimana e poi imbottigliarlo definitivamente. Dopo una decina di giorni ancora sarà gradevolissimo e digestivo.
Posta un commento