12 febbraio 2012

LA LENTA POLENTA... A RISPARMIO D'ENERGIA

Ci sono cose e persone, nella vita, cui proprio non puoi dire di no: una di queste persone è la cara amica Sabrina ed una delle cose è il suo primo contest !

6832738011_26e5e528a3

Premesso che a lei non posso proprio dire di no (cosa che purtroppo, negli ultimi mesi, ho dovuto dire ad altri amici blogger, visto che oramai in casa nostra, per impegni vari e mancanza di tempo, si cucina soltanto la domenica a pranzo e non ce la faccio a star dietro ai vari contest cui pur mi piacerebbe partecipare... e ve ne sarete accorti notando che oramai posto soltanto un paio di volte al mese ricette culinarie) devo dire che questa volta ...capita a fagiolo.
Infatti il suo contest è rivolto a preparazioni di pietanze che richiedono una lenta cottura, a temperature non troppo elevate e in ambiente acquoso.
Neanche a farlo a posta (a me piace scriverlo ancora "all'antica", staccato) la sera prima di leggere il suo invito al contest avevo preparato una polenta ripiena. Visto che vi ho accennato alla mancanza di tempo vi chiederete come questa si possa conciliare con la preparazione di una polenta, che, come noto, richiede dedizione e olio di gomito per starla a girare almeno una quarantina di minuti con una frusta per non farla attaccare al fondo della pentola.
La risposta è semplice: TUPPERWARE !
Eh si, ve ne avevo già parlato giusto tre annetti fa e l'illuminazione me l'aveva data LEI: da quel giorno a casa mia la polenta si fa quasi esclusivamente così !
Quindi non me ne voglia Sabrina se ripropongo per l'ennesima volta una ricetta oramai sperimentata alla grande a casa nostra ma se c'è un caso di "cottura non cottura" beh... questo è proprio quello della polenta nella ciotola Tupperware.
Ecco quindi la mia

POLENTA CON FUNGHI E TALEGGIO
A COTTURA LENTA

IMG_2347



INGREDIENTI (per 6 persone):
500 gr. di farina di mais (ovviamente quella di FABIO)
Mezzo chilo di champignons
100 gr. di taleggio (o caciotta/pecorino semistagionato)
Uno spicchio d'aglio
Olio
Pepe
Sale
Un bicchiere di vino bianco

PROCEDIMENTO: Pulire e tagliare a tocchetti grossolani gli champignons, quindi farli appassire in padella per una ventina di minuti scarsi con mezzo bicchiere di vino bianco, un cucchiaio d'olio ed uno spicchio di aglio in camicia.
A fine cottura togliere l'aglio ed aggiungere un cucchiaino di pepe appena macinato.
Mettere a sobollire circa 2 litri e mezzo di acqua leggermente salata.
A bollore raggiunto aggiungere un giro d'olio ed iniziare a versare la polenta a filo.
Idratarla bene mescolando con la frusta per 2 o 3 minuti ed aggiungere 100 grammi di Taleggio (Belpaese o altro formaggio di vostro gusto, preferibilmente semistagionato); continuare ad amalgamare per altri 3 minuti circa, finché il formaggio non si sarà fuso alla perfezione, quindi versare un paio di mestoli di polenta sul fondo della mescolatrice (la cima della cupola); scavare una piccola fossetta nella polenta (e praticare dei tagli con la punta di un coltello, per far penetrare il condimento ed insaporirla ulteriormente) e riempirla con i funghi oramai intiepiditi. Versare la polenta rimanente, livellando con il dorso dello sgommarello, e chiudere con il tappo ermetico.
L'interno in plastica e la copertura esterna in gomma della ciotola porteranno, in poco meno di un'ora, a cottura perfetta la polenta senza alcuna altra fatica da parte vostra. In più, e qui sta il segreto di questa peraltro economica cottura della polenta (si consuma pochissimo gas e cuoce con il suo stesso calore), la stessa polenta si "insaporirà" con i funghi ed il formaggio dall'interno!
Senza omettere di dire che, così servita, è anche altamente scenografica :-D



7 commenti:

Sabrina ha detto...

Vabbè è doveroso prima di tutto ringraziarti per aver confermato la mia teoria che gli amici si vedono al momento del bisogno! And so, grazie di cuore per il tuo contributo.
Lo so che nel tupperwere la polenta viene veramente buona. Vuoi sapere come cuocio il salmone intero? Sai che c'è un tupperwere che si chiama super fresco, quello con la griglia per le verdure? Bene, se prepari un brodo bollente, adagi il salmone intero sulla griglia, copri con il brodo, chiudi con il coperchio e appoggi una spugna o strofinaccio bagnato sopra per far si che non gonfi e lasci tutto fino a quando il brodo si è raffreddato, otterrai il salmone più buono mai mangiato.
Vi abbraccio forte, te e la Claudia.
E grazie. Smack.

Cindystar ha detto...

ciao Jajo, devo avere anche io qesta ciotola ma ormai ... senza coperchio :-) ... e cmq mai utilizzata per il suo vero uso, chisà perchè, forse diffidenza inconscia? :-)
però a me piace vedere la polenta che bolle sul fuoco, ed ogni tanto andare ad assaggiarla, io sono una nota polentona! :-)
un abbraccione ... candidamente nevoso! :-)

Stefania Orlando ha detto...

Ah però, questa non l'avevo mai vista.
Temo di non poter fare a meno dell'attrezzo in questione ;-)

JAJO ha detto...

SABRINA: più che altro gli amici si presentano ...quando se magna !! ;-D (e dopo avermi descritto quel salmone rischi che ti bussi alla porta quanto prima, neve permettendo :-D)
E' che l'avevo pronta pronta, giusta per il contest (ed è in arrivo uno spezzatino). Ciaooo

CINDY: il paiolo sul camino con la polenta piace anche a me ma a casa a Roma... meglio la mescolatrice (che già la cucina è un buco :-D)

STEFANIA: preso qualche anno fa su Ebay, ma ora non mi pare si trovino più :-( La cosa fondamentale è il rivestimento in gomma che mantiene la temperatura all'interno :-)

Ady ha detto...

Ma guarda un po', io che ce l'ho da anni e anni non l'ho mai usata per la polenta, certo è bella vederla a cupola, forse perchè non sono proprio una polentona io, mah!
Però c'ho in famiglia uno a cui piace moooolto la polenta con le salsicce e mi sà che perima che se ne và il gelo la porvo a fare proprio così!
Però l'interno ce lo potevi far vedere no?!
Chissà che bella con il suo ripieno, baci baci :-)

JAJO ha detto...

Ciao ADY, mi sa che ho capito chi è il ghiottone :-D
Con il ripieno "a vista" l'avevo postata qualche annetto fa: per soddisfare la tua curiosità dai un'occhiatina qui
http://viaggi-cucina-e-io.blogspot.com/2009/02/polenta-taragna-con-champignons.html

e qui

http://viaggi-cucina-e-io.blogspot.com/2010/05/polenta-integrale-di-fabio-con-funghi-e.html

Provalaaa !! :-D

Saretta ha detto...

Ma è tipo la cottura passiva dei cereali che uso io???Cavolo Jajo sarebbe una rivelazione !!!Grandioso Jajo, golosissima!