05 dicembre 2011

RITARDO MAN

Con ultrastracolpevole ritardo riesco a pubblicare il meme dei 7 links project che mi ha passato la cara amica Ancutza. Le chiedo nuovamente scusa per il ritardo ma... LUI mi ha rubato un po' di tempo in queste ultime settimane.
Ma veniamo al meme... questi sono i miei 7 post

LA RICETTA PIU' BELLA: IL GRANDE FORNELLO
In effetti non si tratta di una ricetta vera e propria ma... come la intendete voi una delizia (durata 3 giorni... una vera e propria "grande abbuffata", e non solo di cibo ma di amicizia e simpatia) nata dall'entusiasmo di 7 foodblogger (e relative famiglie, che pure, tutti insieme, non si erano mai intcontrati prima) rinchiusi in un agriturismo orvietano (tutto per noi, chiavi e cucina professionale comprese).
Panta rei, dicevano i greci, ma l'emozione, il divertimento e l'allegria di quei tre giorni sono stati una perfetta alchimia di ingredienti diversi... come in una ricetta perfetta.

IL POST IL CUI SUCCESSO E' ARRIVATO INASPETTATO: LA TORTA AL CIOCCOLATO CON RIPIENO DI NUTELLA E MASCARPONE (ma avrei anche potuto citare IL POLPO AL FORNO CON LE PATATE, preso dall'amica Antonella).
Questa torta mi ha sorpreso non certo per il gusto (chi non ama la Nutella? Saranno una decina in tutta Italia...) quanto per il fatto che prepararla è di una semplicità disarmante: si prepara in meno di un quarto d'ora e... non dura altrettanto!!!

IL POST PIU' POPOLARE: LA CACIO E PEPE DI "JAJO-COLONNA"
Eh si perchè, per un'altra ricetta abbastanza semplice, questa volta della cucina romana, tanti sono stati i commenti e le richieste d'aiuto. Io ho provato a farla seguendo pedissequamente le indicazioni di Antonello Colonna, che della "cacio e pepe" ne ha fatto un cavallo di battaglia, ma... continuo a preferire il mio metodo :-D

LA RICETTA CHE NON HA AVUTO IL SUCCESSO CHE MERITAVA: IL COTECHINO CON LA FAGIOLINA DEL TRASIMENO
In questa ricetta ho voluto andar contro gli stereotipi gastronomici di fine anno sostituendo la lenticchia con la fagiolina del Trasimeno e, devo dire che il risultato ci ha stupito molto, a me e Claudia: la delicata fagiolina lega alla perfezione con la sapidità del cotechino, forse addirittura meglio della lenticchia (che ha un sapore un po' più deciso). Evidentemente non vi siete fidati di me :-)

LA RICETTA PIU' CONTROVERSA: LA TORTA ZEBRATA ARCOBALENO
Controversa perchè, malgrado l'effetto cromatico di sicuro impatto che si ottiene, molti non gradiscono utilizzare i coloranti alimentari (preferendo utilizzare verdure per il verde, rape rosse per il rosso intenso, carote per il giallo ecc., anche se si rischia di alterare un po' il sapore della torta).
Io, però, qualche goccia di colorante alimentare ogni tanto me la voglio concedere... tanto perchè un po' di colore ogni tanto nella vita ci vuole :-D

IL POST PIU' UTILE: IL VOLO DELLE 99 COLOMBE
Bhe, con questo post mi piace vincere facile: e non c'è bisogno di starlo tanto a spiegare perchè l'iniziativa dei foodblogger è arrivata perfino sui giornali, alla radio ed in televisione. Ma quando si tratta di aiutare qualcuno in difficoltà il popolo dei foodblogger si "stringe a coorte" in un attimo con entusiasmo.
Purtroppo l'iniziativa, che pure è servita a ridare coraggio alla popolazione de L'Aquila colpita dal tremendo terremoto di due anni fa ed in particolare agli aquilani che lavoravano nell'azienda dolciaria delle Sorelle Nurzia (tanti sono stati gli ordini che due donne sono state riassunte per far fronte alle richieste di spedizione di torroni e panettoni), dicevo purtroppo l'iniziativa non ha potuto aiutare più di tanto troppe persone che vivono ancora in casette prefabbricate o in albergo e che vedono ancora scruro il proprio futuro: a loro rinnovo il mio in bocca al lupo...

LA RICETTA DELLA QUALE VADO PIU' FIERO:
Beh, in questo caso mi permetterete una "deroga", in quanto le ricette sono due e mi riportano entrambe all'infanzia visto che a prepararle erano sempre mia nonna e mio nonno. Della prima ricorderò sempre, tra le altre mille cose, gli strepitosi POMODORI AL RISO, cotti nel forno a legna del paese in cui passavamo tutte le vacanze estive; mentre di nonno Ottavio non posso non avere nel cuore il mitico (mi ha anche permesso di vincere un contest della Voiello, anche se fino all'ultimo ero stato in dubbio di mandare la ricetta) CAPPONE DI GALERA.
Non aggiungo altro ma vi invito a cliccare sui due relativi link: vi leccherete i baffi (e, spero, vi commuoverete un pochino).

Purtroppo sono arrivato talmente in ritardo con questo meme che ho visto che praticamente tutti lo hanno già fatto, quindi... lo passo a chi non si è ancora cimentato e vorrà farlo...

P.s.: non ho messo le foto perchè altrimenti vi accontentate di vedere quelle e non cliccate sui link... PELANDRONI !!!! hahahahahaha

5 commenti:

Reb ha detto...

Caspiterina Jacopo, so che dovrei commentare i 7 links, ma il libro è uno spettacolo! Bravi bravi

Unknown ha detto...

Mh....interessante....quasi quasi mi cimento anche io...
A presto Jajo!!! ;D

Unknown ha detto...

Oddio ho visto il libro......COMPLIMENTISSIMIIIIIIIIIIIIIIIII :D
lo devo regalare a mio marito (romano doc), quando è in vendita????

Saretta ha detto...

Ritardo ipergiustificato e counque..GRAZIE Jajo!Attraverso el tue parole ho scoperto alcune cose come la fagiolina del trasimeno(che ho acquistato quest'estate), il cappone di galera ed altre amenità.Ho viaggiato in posti bellissimi e..mi è sempr spuntato il sorriso.Un abbraccio scrittore!

caris ha detto...

Mannaggia Jajo....Lydia ci ha presentati al volo e mi spiace non aver avuto l'occasione di parlare (mi sa che ci ha presentati col nostro nome vero??? :D)..chiaro che l'anno prossimo ci si organizza meglio con bigliettini di "presentazione"...e magari si organizza una cena prima..se ne parlava anche con gli altri!!!