21 maggio 2007

GIGLIO E GIANNUTRI CON... I VERI GIOVANI

E si !! Per concederci un "break" abbiamo approfittato di una minicrociera di quelle proposte dal cral dell'ufficio a Giannutri ed al Giglio. All'appuntamento per la partenza, per fortuna, della SIAE eravamo solo noi mentre tutti gli altri erano (in misura molto vicina al 95% del totale) anziani ex dipendenti di altri enti: forse proprio per questo la giornata è scorsa allegramente e velocemente, malgrado le quasi 4 ore di pullman (da Piramide all'Argentario - siamo partiti con la motonave da Porto Santo Stefano - e ritorno) e le oltre 2 ore di navigazione: gli anziani, se in buona salute, sono le persone più allegre e divertenti e quelle che meglio si sanno godere la vita in spensieratezza.
Alle 6,45 sono già tutti "pimpanti e chiacchieranti" ed alle 9, quando si arriva all'Argentario, sono loro a lanciare l'assalto ai posti migliori sulla motonave, quasi travolgendo l'accompagnatrice. Neanche 10 minuti e, dopo il caffè di rito, a bordo escono i primi mazzi di carte: da Porto Santo Stefano a Giannutri (un'oretta di navigazione lungo il promontorio dell'Argentario, circomnavigando il quale il capitano ci elenca i nomi di tutti i proprietari delle ville più belle: praticamente sono tutti..... CARCERATI: Ricucci, Previti ecc.....) sarà tutta una Briscola !!!
Il "polso" a sinistra è di Claudia... mentre guarda le nuove "amichette" giocare a Briscola :-D
Hehehehehe mi ha minacciato con propositi infami in caso avessi messo questa foto sul blog :-D

La bellezza di questi gruppi è che si vede di tutto: dal "Filini" in bermuda e sandali con immancabile guida turistica, a quello con il borsello e il gilet milletasche, a quello con giacca e cravatta, a quella con il sandalo con tacchi di 8 centimetri e vestito da matrimonio. Una cosa, comunque, accomuna tutti, soprattutto le donne: sono totalmente ricoperte di gioielli d'oro e sono lì esclusivamente per divertirsi !!!
Il mare è una tavola è in un'ora scarsa si arriva a Giannutri (a proposito... l'Arcipelago Toscano è composto da sette isole, che da nord a sud sono: Gorgona, Capraia, Elba, Pianosa, Montecristo, Giglio e Giannutri). L'isola è praticamente disabitata (solo 20 persone residenti) ma piena di verde e gabbiani, ed è un piacere passeggiare sotto il primo caldo sole (anche se le strade sono un po' polverose): l'intero territorio dell'isola (a parte due "corridoi" marini per permetterne l'accesso) è territorio protetto e flora e fauna sono intoccabili.

Cala Maestra

No... non è Luna Rossa
Passeggiando per Giannutri La Cala "Lo Spalmatoio"
Uno splendido papavero gigante
Il Giglio vista da Giannutri
In onore di KIX la foto di due battelli di subacquei (che a pranzo, poi, si sono affiancati al nostro) L'accesso alla "Piazzetta" di Giannutri
Resti romani
Un angolo di Paradiso
Resti della "Villa Domizia"
Purtroppo la bellezza del Parco Nazionale è offesa dallo scempio di una bandiera... :-D
Colori della vegetazione di Giannutri
Dopo la passeggiata nella natura incontaminata dell'isola, tra cui spiccano i cespugli odorosissimi di rosmarino, si torna a bordo dove ci aspetta il pranzo: l'orario di "rientro" sarebbe le 13 ma alle 12,35 tutti i "vecchiacci famelici" sono già sul piccolo molo... E devo dire che hanno perfettamente ragione: il risotto di mare (cotto in un pentolone del diametro di oltre un metro, che a malapena entrava nella cucina di bordo) è forse il migliore che abbia mai mangiato, così come il mega misto di cozze in guazzetto con scampi e gamberoni. Il bis è d'obbligo per entrambe le portate: il bello è che per chi è intollerante al pesce il cuoco di bordo ha preparato delle penne all'arrabbiata (di cui ovviamente i "nostri" non hanno lasciato traccia !!!). Per finire una bella crostata "prefabbricata" e acqua e vino a volontà. Alle 14,30 ci butteremmo tutti sull'amaca ed invece si riparte verso il Giglio.
Lo splendido misto di cozze, scampi e gamberoni
Sulla via verso il Giglio ci accompagnano dei gabbiani che vengono a mangiare briciole di pane direttamente dalle mani.
E ci intrattiene la lettura di un articolo del Regolamento di Navigazione della Real Marina.
Arrivati al Giglio ci concediamo una passeggiatina per le stradine di Giglio Portoed una mezzoretta di sole sulla spiaggia di Punta Gabbianara.
Non è neanche necessario immergersi per godere la vista di uno splendido "acquario"
La Adriatic Princess II

E' inutile dire che per tutta la navigazione di ritorno i nostri amici di viaggio non hanno fatto altro che..... BALLARE scatenati sulla nave.

E adesso non vediamo l'ora di partire per la prossima avventura non i nostri nuovi "amichetti".

Posta un commento