01 luglio 2012

'A TRIPPA D''AA SORA LELLA: SENTIRETE CHE VVE MAGNATE !

Uno dei piatti classici della cucina romanesca, ve ne avevo già parlato, è la trippa al sugo con la menta e il pecorino. Un piatto da leccarsi i baffi e con cui mangiare intere pagnotte di pane casereccio facendo la scarpetta.
Avendo trovato su You Tube la versione di una strepitosa (Dio ti abbia in gloria!) "Sòra Lella" (Elena Fabbrizi, il vero cognome era con due B, la sorella di Aldo Fabrizi) non ho saputo resistere e sono corso a comprarla per farla di nuovo.
Beh, inutile perdersi in ciance: qui sotto trovate quantità e procedimento.
E sarà l'irresistibile Sòra Lella in persona a dirvi come procedere: vi strapperà più di un sorriso e vi metterà addosso una terribile voglia di preparare...

'A TRIPPA D''A SORA LELLA
(la migliore mangiata in vita mia)

IMG_1803


INGREDIENTI (per 2 persone):
500 gr. di trippa pulita e prelessata
800 gr. di pelati
Una cipolla
Una costa di sedano
Un bicchiere di vino bianco
Peperoncino
Due rametti di menta romana
Foglie di basilico
5 chiodi di garofano
Pecorino grattugiato (a gusto)
Olio
Sale
Pepe

PROCEDIMENTO (rigorosamente dettato dalla Sòra Lella)
Qui ce mettèmo la cipolla... io tutt'a ccrudo v''a faccio fa', così 'n fa male.
Poi ce mettèmo la trippa. Dopo che c'avèmo messo la trippa ce mettemo 'm bèr pezzo.............. de peperoncìno. Ooh...
Dopo er peperoncino ce mettèmo la carota............... la caròta.
Poi la menta romànaaaa... ch'è la morte sua la menta romana eh !
Poi 'n po' de bbasilico e un po' di sedano... Ooh...
Quànno che ppoi c'avèmo messo 'sta robba, ce mettèmo cinque sei chiodi de garofano, ......che così je leva "quèr sapore" a la trippa.
Poi ce mettèmo er pecorìno...... 'm bèr po' de pecorino.
Poi... no, er pepe no perchè c'avèmo messo 'r peperoncino... Ce mettèm'er sale... er sale. E poi l'ojjio..............................
Poi la mettèmo sur fòco.
Quànno ch'è bbella rosolata, tutta bbella tiritirì... ritirata, che 'a trippa càccia 'n' po' d'acqua perché prima se deve lava', s'è ritirata tutta l'acqua, ce buttàmo giù er vino, sempre er solito vino bianco. Fàmo svapora' 'sto vino... quand'è bbello se sente 'n sapore de quèr pecorino... un odore, un profumo... ce buttàmo giù li pelati.
Quando avèmo messo giù i pelati, fatela 'nsapori' 'na diecina de minuti solo co' li pelati senza mèttece l'acqua.
Quando so' 'nsaporiti 'sti pelati ce mettete giù, 'nsomma... no, coperta no, 'n po' d'acqua, poi la sentite, mano mano; la fate bbella 'nsapori', perchè la trippa deve veni' bella, fitta, bella saporita. Quando che la sentite ch'è saporita, che ...se vede quann'è ffatta no? Sète madri de famija, sarebbe 'r còlmo, ve la magnàte! Ce fàte queli piatti... Quando ch'hai fatto li piatti, ognuno quanti sète, ce mettète 'n àntro po' de pecorino sopra e poi ve la magnàte: ma si sentite che d'è !?!
Perchè voi, in art'Italia speciarmente, nu' la fànno mai la trippa! Fanno quel lardo... come se chiamano? Manco 'o so come se chiama! Quell'àrtra trippaccia de' gatti mah.
'nvece Questa dovete fa': la trippa a la romana! 'n v'offendete eh, perchè è veramente così: io 'na vorta so' stata a Firenze, n' 'aa conoscevo 'a trippa: nun era quella che facevo io! Ehe, bisogna che v''oo dico!
Quànno ch'è fatta 'sta trippa poi sentirete che vve magnàte!!
Guardate quant'èbbella!!! Ma perchè so' 'nnammorata io de 'sti piatti ?!
Ahò... 'n sarebbe romana... 'n c'è gnente da fa'!
Ma voi guardate, ecco: io ce voglio mètte 'n antro po' de pecorino... perchè me da' que quel'aroma.. de profumo de pecorino.
Aaaaaaaaaahhhh mamma mbella mia, quant'ammazza che ppiatti che ssapèmo fa' noi: ma 'i sapete fa' vvoi? Ma io ve 'mparo perchè i dovete sape' ffa' pure voi: apposta io ce perdo tempo a fàvveli fa'! Perchè? Perchè è è 'na meraviglia, eh ! Oggi voglio vede' a pranzo vostro marito che vve dice! O ve da 'n bacetto o vve strigne eh !!!
Allora io ve auguro una buona domenica, una buona pappata de 'sta trippa e arivederci a 'st'artra domenica !


IL FANTASTICO VIDEO DELLA RICETTA


21 commenti:

Claudia ha detto...

ahahahah Jà.. sei un mito!!!! non ce potevo crede che avresti scritto tutto er procedimento da Sora Lella!!!!!! ma quant'è bona??? madoo solo te però.. con 40° hai avuto core a farla!!!! A me si.. m'hai fatto venì voglia.. ma Ric.. non se la magnà manco in inverno.. Quindi me toccherà andarmene a mangiare da mia mamma!!!! :-) bacioni a te e Claudia

ele ha detto...

lo so! la trippa poco si addice nell'alimentazione di una donna, ma, sarà che mia madre la cucina divinamente e con la trippa mi ha cresciuta (ed i risultati sono ben visibili!) ma io l'adoro! e questa ricettina con la mentuzza mi mancava! copio/incollo e passo la ricetta alla mamma........

Saretta ha detto...

Applausi e sorrisi!!!

Lo Ziopiero ha detto...

Sei un grande! Primo perché hai proposto questo filmato, che tra tante "fighetterie" che si vedono in giro rappresenta a mio avviso l'essenza della cucina, secondo perché hai pure trascritto il testo e terzo... perché "o digo io"!!!!

:))))

Sciao, bbbello. Aspetto sempre un invito pe 'na magnata alla maniera nostra! ;)

JAJO ha detto...

CLAUDIA: dai, corrompilo !! E' grandiosaaa !!! Digli di farlo per la Sòra Lella :-D

ELE: fammi sapere cosa ne pensi, e cosa ne pensa mamma :-)

Saretta: tutti dovuti (e ce ne sono altre di ricette soralellesche !! :-D)

PIERO: Sora Lella uber alles !!! Sai che j'avrebbe detto a 'sti fighetti? hahahahahahaha
Fàmme festeggia 'e nozze d'oro dei miei e poi se vedemooooo !!!! :-D

puppolo ha detto...

fantastico assolutamente fantastico; il miglior post che tu avessi mai pubblicato e non è tuo, ma della sora Lella eh eh !!!!

JAJO ha detto...

PUPPOLO: il miglior post che io abbia mai pubblicato? Beh, non posso che essere d'accordo: ubi major.... :-D
Grande Sòra Lella !!!

Andrea ha detto...

che spettacolo!! sta trascrizione letterale è proprio na prova d'amore :)!! aò fateme sapè quando organizzi co ziopiero!

Sabrina ha detto...

io ti adoro!

Elly ha detto...

Fortissimo il video!
E ottima la ricetta!
Un abbraccio Jajo e fammi sapere quando torni nella mia isola verde...
Elsa

Sinibaldi Traslochi ha detto...

Semplicemente meraviglioso!!!!!

lastufaeconomica ha detto...

credo che tu mi abbia convinto ad assaggiare la trippa, fantastica la ricetta e il modo di spiegarla.

JAJO ha detto...

ANDREA: e ti pare che non ti chiamiamo?

SABRINA: sei sempre un tesoro :-D

ELLY: sssshhhhh... forse c'è qualche decimo di possibilità che si possa scappare dalle tue parti a fine settembre... Sarà difficile ma non disperiamo :-D

SINIBALDI TRASLOCHI: grazie, ma non è merito mio :-)

LA STUFA ECONOMICA: benvenuta, spero possa aver trovato qualche "dritta" per Roma sull'altro blog. Fammi sapere :-D

JAJO ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
SaraG83 ha detto...

Finalmente un uomo che scrive un blog di cucina ... e lo fa pure strabene! Mi sono divertita un sacco a leggere la ricetta :)

JAJO ha detto...

Ciao SaraG83, benvenuta: eh si... anche se proprio di cucina cucina non è... Cerco di parlare di me, cucina compresa, senza troppe pretese (grazie per lo "strabene") e, negli ultimi tempi, anche con un po' di ...dieta :-(
La Sòra Lella è un mito e sentirla parlare è ancora meglio che leggerla... Ed ha ancora diverse ricettine da regalarci: prossimamente ne vedrai una :-D
Ciaoo

Aiuolik ha detto...

Vedi che avevo ragione sull'"autorevole"?

Grazieeee!
Aiu'

Aiuolik ha detto...

R come 47 Ricette bellissime! La R di Roma è qui al gran completo: http://abcincucina.blogspot.com.es/2012/08/r-come-roma.html...

Grazie per la partecipazione e ora si continua il giro con la S di Siracusa!
Ciaoooo
Aiu'

miciapallina ha detto...

TRippa..... oinoi.
Potrei morirci dentro!

nasinasi

elena castiglione ha detto...

Beh, mo che t'ho scovato non posti più???

Traslochi ha detto...

Meravigliosa!